Al Festival di Locarno è di scena il cinema d'autore

Inserire immagine
Scarlett Johansson - foto Ansa

La 67esima edizione del Festival apre i battenti il 6 agosto e fino al 16 la cittadina svizzero-italiana sarà la capitale mondiale del cinema d’autore. Ad aprire le danze “Lucy” di Luc Besson che vede protagonisti Scarlett Johansson e Morgan Freeman

La 67esima edizione del Festival di Locarno si presenta con circa 250 fra film, documentari e corti. La selezione, ad opera del direttore artistico Carlo Chatrian e del suo team, propone opere di straordinario talento. Oltre a questa, una carrellata di ospiti arricchiranno l’evento, tra questi Roman Polaski e Emmanuelle Seigner, Giancarlo Giannini, Dario Argento, Juliette Binoche, Mia Farrow, Melanie Griffith e Agnes Varda e Jean-Pierre Lèaud.

Ad aprire il Festival Lucy, il thriller diretto da Luc Besson che vede come protagonisti una coppia d’eccezione, Scarlett Johansson e Morgan Freeman. L’anteprima nazionale verrà proiettata in Piazza Grande davanti a ottomila spettatori. Alla cerimonia sono attesi Melanie Griffith  e Jean-Pierre Lèaud, uno fra gli attori prediletti da Francois Truffaut, che riceverà il Pardo alla carriera.

Diciassette i titoli in gara a contendersi il Pardo d’oro assegnato in questa edizione da una giuria presieduta da Gianfranco Rosi e di cui fanno parte Thomas Arslan, Sonia Braga e Connie Nielsen. L’Italia verrà rappresentata da Perfidia, unico film tutto italiano in corsa per il Pardo d'oro. Diretta dal regista sassarese Bonifacio Angius, la pellicola narra la storia di una generazione, in una città di provincia (Sassari), fra crisi, disoccupazione e incomunicabilità familiare.

Angius dovrà vedersela con Nuits Blanches sur la Jetée di Paul Vecchiali, Cavalo Dinheiro del portoghese Pedro Costa, i documentari The iron Ministry di J.P. Sniadecki, L’Abrì dello svizzero Fernand Melgar, Dos disparos di Martin Rejtman, La Principessa di Francia di Matias Pineiro, Ventos De Agosto del brasiliano Gabriel Mascaro e Navajazo dell’esordiente messicano Ricardo Silva.

Per il programma completo del Festival clicca qui.