Lo Hobbit, le new entry de La desolazione di Smaug

Inserire immagine
Evangeline Lily ne Lo Hobbit - La desolazione di Smaug

Lunedì 25 agosto alle 21.10 va in onda in prima tv su Sky Cinema 1 HD e Sky 3D il secondo capitolo della saga diretta da Peter Jackson: ecco le new entry nel cast, da Evangeline Lily a Stephen Fry.

Lunedì 25 agosto Sky Cinema 1 HD (canale 301) e Sky 3D (canale 150) faranno fuoco e fiamme. Letteralmente. Sì, perché il drago poco accomodante risvegliato da Bilbo Baggins ne Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato sta per riversare la sua ira su tutti quanti: hobbit, umani, elfi e qualunque altro abitante della Terra di Mezzo si trovi sul suo cammino.

Lo hobbit - La desolazione di Smaug, secondo capitolo della saga fantasy diretta da Peter Jackson, andrà infatti in onda in prima visione tv sui due canali di Sky, preceduto domenica 24 su Sky Cinema Hits (canale 304) proprio da Lo hobbit - Un viaggio inaspettato. In attesa di vederli entrambi, ecco chi sono le new entry nel cast del film in prima tv questo lunedì.

Di sicuro gli appassionati di serie tv non si saranno fatti sfuggire l'ingresso nella saga ispirata al libro di J.R.R. Tolkien di una delle protagoniste della serie tv più influente di sempre: stiamo ovviamente parlando di Evangeline Lily, meglio nota al grande pubblico come Kate di Lost. A lei è andato il ruolo dell'elfa Tauriel, che non appare nel romanzo di Tolkien, ma che è stata espressamente creata da Jackson per il film.

Un altro grande attore che si aggiunge al cast de Lo Hobbit è Stephen Fry, celebre comico, sceneggiatore, regista e interprete britannico, presente in film come Un pesce di nome Wanda, Gli amici di Peter e V per Vendetta. A lui l'ingrato (si fa per dire) incarico di impersonare il tiranno di Pontelagolungo.

Lo hobbit - La desolazione di Smaug vede poi una serie di new entry che sono in realtà dei ritorni. Innanzitutto c'è Orlando Bloom, che riprende il ruolo di Legolas, il carismatico quanto micidiale elfo della trilogia de Il signore degli anelli. Poi c'è Luke Evans, che qui riveste il ruolo di Bard l'arciere, e che nella versione estesa de Un viaggio inaspettato impersonava Girion, l'antico signore di Dale.

Infine c'è il caso di Benedict "Sherlock" Cumberbatch... che però non ci riguarda. L'interprete del celebre Holmes televisivo fa il suo ingresso in qualità di doppiatore nella versione originale del film, in cui gli viene affidata la voce del drago Smaug. Ma già nel precedente capitolo doppiava un altro tipino mica da ridere, ovvero l'oscuro Negromante in cui si imbatte Gandalf il mago.