Keanu Reeves: i 50 anni dell’Eletto

Inserire immagine

Il 2 settembre alle 22.45, Sky Cinema Max festeggia il mezzo secolo di età del protagonista di Matrix con il catastrofico “Ultimatum alla Terra”, remake del celebre film del 1951 di Robert Wise

Il viso di Keanu Reeves rimane fondamentalmente quella di un ragazzo, anche se il 2 settembre festeggerà i suoi primi 50 anni. Sarà forse per quel mix di sangue che gli scorre dentro e che gli ha regalato una faccia da cui traspare la sua origine: hawaiana di origine cinese da parte di padre e inglese da parte di madre.
Quel naturale aspetto esotico e nello stesso tempo mistico di Keanu, unito ad un grande capacità attoriale, non poteva non incuriosire Hollywood e il cinema americano. Ma, se sarà il maestro italiano Bernardo Bertolucci ad esaltare quel volto affidandogli la parte del principe Siddartha ne "Il Piccolo Buddha" nel lontano 1993, il successo indiscutibile arriverà con la geniale trilogia di Matrix e con il personaggio di Neo, l'eletto destinato a salvare il mondo dal potere virtuale delle macchine.

Un ruolo, quello del "salvatore", che Kenue ha molte volte interpretato nella sua carriera, naturalmente con le dovute differenze. Basta ricordare, il personaggio di Kevin Lomax, nell’ Avvocato del Diavolo o l'esorcista Constantine in lotta entrambi contro Satana per scongiurare il dilagare del male o l'alieno Klaatu, messianico ambasciatore galattico giunto sulla terra portando con sé un messaggio di pace e intimando la distruzione di tutte le armi.

Proprio con "Ultimatum alla Terra" Sky Cinema Max vuole festeggiare il prossimo 2 settembre il compleanno di Reeves. Il film è diretto da Scott Derrickson, già regista di “The Exorcism of Emily Rose” e profondo ammiratore dell'originale di Robert Wise. L'intenzione del regista è stato quello di omaggiare il classico del 1951 trasportandolo ai giorni nostri ma non modificando il messaggio del film originale: avvertire l’umanità che la noncuranza verso i propri simili e il mondo circostante sarà la causa della sua stessa imminente distruzione.

Keanu, per l'appunto, interpreta Klaatu al posto dell’originale Michael Rennie e la vincitrice del premio Oscar Jennifer Connelly in quelli della nota scienziata Helen Benson che, insieme al figliastro Jacob, interpretato dal Jaden Smith pargolo del celebre Will, cerca di cambiare le negative sorti del pianeta.

La storia del film è presto detta: Klaatu e il suo fido robot Gort, atterrano a Washington trasportati da una sfera luminosa perché intenzionati a dare di persona l’ultimatum ai capi del mondo per avvisarli della distruzione totale della razza umana che per troppi secoli non si è preoccupata di salvaguardare il pianeta su cui vive. Ma forze che ritengono ostile l'extraterrestre gli negano la possibilità di parlare ai leader del mondo come aveva richiesto. Sarà, quindi, distruzione totale o forse c’è ancora qualche speranza. Affidata ancora al salvatore Keanu/ Klaatu.