Il quinto potere di WikiLeaks

Inserire immagine
Un'immagine della locandina del film Il quinto potere

Arriva su Sky Cinema 1, in prima visione, venerdì 24 ottobre alle 21.10 il film di Bill Condon che ripercorre le tappe dell’organizzazione no profit fondata dal giornalista australiano Julian Assange nel 2006

Ci sono date che rimangono impresse nella storia o, per dirla in maniera più precisa, che fanno da spartiacque tra quello che era e quello che sarà. Una di questa è il 25 luglio del 2010, giorno in cui scoppiò il caso WikiLeaks portandolo alla ribalta del mondo intero. Quella sera, infatti, i maggiori giornali del pianeta decisero di pubblicare i documenti segreti della guerra in Afghanistan ottenuti proprio dall'organizzazione di Julian Assange che era, per l’appunto, il creatore del sito internet WikiLeaks.

Ricordiamo che si tratta di un’organizzazione internazionale no profit creata dallo stesso Assange che ha come scopo quello di raccogliere documenti segreti anonimi che vengono poi pubblicati sul suo sito web al fine di portare alla luce comportamenti non etici di governi e aziende.

L’intera vicenda nel 2013 è diventata un film. E non poteva non essere altrimenti visto la notorietà di Assange e del suo WikiLeaks e le questioni dirimenti che ne sono scaturite. Il compito di illustrare al grande pubblico WikiLeaks se lo è preso il regista Bill Condon con il film Il Quinto potere (The Fifth Estate), che arriva su Sky Cinema 1, in prima visione, venerdì 24 ottobre alle 21.10

La pellicola si propone l'arduo compito di ripercorre le tappe dell’organizzazione no profit fondata dal giornalista australiano Julian Assange nel 2006, e in particolare di mettere in luce lo straordinario impatto che ha avuto a livello mondiale con la divulgazione di milioni di documenti segreti. Tuttavia lo stesso Assange, all'uscita del film, ha mosso una serie di critiche nei confronti della pellicola che definisce un vero e proprio attacco all’organizzazione.

A vestire i panni di Assange, è l'attore inglese Benedict Cumberbatch. Invece l'attore Daniel Brühl interpreta Daniel Domscheit-Berg, braccio destro di Assange . La sceneggiatura del film è firmata da Josh Singer ed è basata su due libri: WikiLeaks: Inside Julian Assange’s War On Secrecy scritto dai giornalisti David Leigh e Luke Harding e su Inside WikiLeaks: My Time With Julian Assange At The World’s Most Dangerous Website di Daniel Domscheit-Berg. Nel 2007 Assange incontrò per la prima volta, al Chaos Computer Club, Domscheit-Berg. Il tedesco attirato dalle idee dell’australiano che gli aveva promesso che avrebbero creato dei veri cambiamenti nel mondo, grazie a WikiLeaks, divenne il portavoce del sito. Nel 2010 Domscheit-Berg decise di lasciare WikiLeaks, perché Assange aveva mostrato una mancanza di integrità giornalistica.

A completare il cast del film troviamo: Anthony Mackie, David Thewlis, Alicia Vikander, Peter Capaldi, Carice van Houten, Dan Stevens, Stanley Tucci e Laura Linney.