Aspirante vedovo, il film erede di Sordi e Risi

Inserire immagine
Aspirante vedovo

Aspirante vedovo , film di Massimo Venier in prima visione tv lunedì 27 ottobre su Sky Cinema 1 HD, riporta in vita la celebre commedia di Dino Risi con Alberto Sordi intitolata Il vedovo: ecco cosa c'è da sapere su questo illustre predecessore.

Ufficialmente Aspirante vedovo, film in prima visione tv lunedì 27 ottobre alle 21.10 su Sky Cinema 1 HD, non è un remake, ma più una sorta di sentito omaggio a Il vedovo. Tuttavia la parentela tra la commedia diretta da Massimo Venier nel 2013 e la pellicola di culto del 1959 di Dino Risi è di quelle strette, molto strette. Tanto che per prepararsi alla visione della prima, può tornare utile sapere anche qualcosa della seconda.

Innanzitutto, gli interpreti. Mentre in Aspirante vedovo il protagonista (e aspirante vedovo, per l'appunto, di una donna miliardaria) è il simpatico Fabio De Luigi, nel film del 1959 il ruolo era affidato al mattatore Alberto Sordi. E la miliardaria di cui sopra, oggi con il volto di Luciana Littizzetto, allora era impersonata da Franca Valeri.

A rimarcare il legame tra i due film, ci sono i nomi dei protagonisti, che sono praticamente gli stessi: lui si chiama Alberto Nardi in entrambi i casi, mentre lei è passata da Elvira a Susanna Almiraghi, mantenendo comunque immutato il cognome.

La trama non è ovviamente uguale, ma è molto simile, aggiornata però in Aspirante vedovo ai giorni nostri. Ne Il vedovo, l'inconcludente industriale romano Alberto, sposato alla ricca (e insopportabile) milanese Elvira, crede di essere diventato miliardario in seguito al presunto decesso della moglie in un incidente ferroviario. In realtà si tratta di un falso allarme, che fa però scattare una molla nel cervello dell'inetto: impegnarsi in prima persona per far sparire la propria coniuge dalla faccia della Terra ed ereditare così i suoi soldoni.

Sul set de Il vedovo, al fianco di Sordi e della Valeri c'erano tanti altri bravi attori e caratteristi, tra cui la bella Leonora Ruffo nel ruolo dell'amante di Alberto Nardi, o ancora Nando Bruno, Mario Passante e Gigi Reder, quest'ultimo l'indimenticabile ragionier Filini nella serie di film dedicati a un altro celebre ragioniere, ovvero Fantozzi.

Tra scene da commedia grottesca, umorismo macabro, ma anche lucidi momenti di osservazione sociale, grazie alla maestria di Dino Risi e alla capacità dei due interpreti principali Il vedovo lasciò il segno. Eredità pesante, quindi, quella che tocca al trio formato da Venier, De Luigi e Littizzetto, ma portata a frutto in una pellicola brillante che attualizza le vicende raccontate dal suo illustre antenato. Il risultato? Lo potete vedere il 27 ottobre su Sky Cinema.