Apocalypse Music: il rock è la fine del mondo!

Inserire immagine
Una scena del film Stonehenge Apocalypse, in onda su Sky Cinema Hits Apocalypse, (canale 304) dal 7 al 16 novembre

Dai R.E.M. ai Cure, dai Doors ai Tame Impala fino ad arrivare ai nostri Elio e Ligabue, non c’è artista che non si sia cimentato con l’End of the World . Aspettando Sky Cinema Hits Apocalypse, (canale 304) dal 7 al 16 novembre, ecco l’apocalisse in musica

Seguici sulla pagina Facebook di SkyCinema e su Twitter @SkyCinema #SkyCinemaApocalypse

A che ora è la fine del mondo?
Sky Cinema Hits Apocalypse (canale 304) risponde così a Ligabue e ai R.E.M.: è no stop dal 7 al 16 novembre.

Aspettando di vedere l’ End of the World sullo schermo, perché non ascoltarne un po’? Della serie “anche l’orecchio vuole la sua parte”…
Dalla nascita delle sette note a oggi sono innumerevoli i musicisti che si sono misurati con l’ apocalisse, da Mozart fino ad arrivare alle più inquietanti ninna nanna.
Anche il genere musicale più gettonato di sempre, ossia il rock, si è cimentato con la fine del mondo, regalandoci alcune delle canzoni più belle (e, perché no, angoscianti) di sempre.
Il solo pronunciare la parolina “end” fa subito venire in mente quattro pezzi che hanno fatto la storia della musica leggera di altrettanti mostri sacri del sottogenere, basti pensare a The End of the World dei Cure, The End dei Doors, Until the End of the World degli U2 e It's the End of the World As We Know It dei R.E.M.



Un quartetto di band da chapeau, non c’è dubbio alcuno. E l’ultima delle quattro ha ispirato con la sua meravigliosa It's the End of the World As We Know It la versione italiana del nostro fiore all’occhiello: l’incorreggibile Rocker di Correggio, alias Luciano Ligabue, che con la sua A che ora è la fine del mondo? ha fatto cantare a squarciagola frotte di fan.
Ma Correggio non è l’unico comune dell’Emilia-Romagna in cui si è omaggiata l’apocalisse; anche Modena si è misurata con la fine del mondo grazie ai suoi cantori cittadini: ai Modena City Ramblers si deve il pezzo dal titolo a dir poco lapalissiano Canzone dalla fine del mondo.



Dagli Stati Uniti d’America all’Australia, le canzoni sulla fine del mondo si sono diffuse velocemente come una pandemia, basti pensare all’esempio a stelle e strisce di Last Goodbye firmato Jeff Buckley e all’interessante psichedelia di Apocalypse Dreams dei Tame Impala from Perth. Ma anche l’Europa non manca all’appello, con gli svedesi omonimi (gli Europe) ai quali si deve la canzone più energica e metaforicamente nerboruta della storia musicale, ossia The Final Countdown, e grazie all’apporto del mitico Sir Elvis Costello, che non sarà il Re come l’altro Elvis ma di sicuro è un baronetto delle sette note britanniche.
La sua Waiting for the End of the World è un piccolo capolavoro da gustare in sottofondo al tè delle cinque (o alla birra delle sei, dipende da quale delle tradizioni inglesi si preferisca).



Dal Metal (gli Iron Maiden con Two Minutes to Midnight e i Metallica con My Apocalypse) allo Swing, dal Pop al Jazz, dal Rock al Blues, non c’è genere che non abbia cantato la fine del mondo.
E per citare un gruppo sui generis, anche Elio e le Storie Tese ci hanno regalato una canzone-gioiello sul tema, il cui testo come sempre è un piccolo capolavoro di metrica:

Taglia, sforbiciante parrucchiere,
Li vorrei più corti, un po' di più.
Nel frattempo, sfoglio uno dei consueti rotocalchi
Che si sfoglian qui da te.
Scopro che gli antichissimi Maya,
Preannunciavano il disastro totale,
Sono già in paranoia!
Sta arrivando la fine del mondo e ho paura tantissimo!
Certa gente lo scrive su “Chi”, l'ho visto oggi a “Verissimo”.
Mi precipito fuori città alla ricerca di un outlet,
Perché nell'eventualità
Che arrivi un'onda gigante nell'oceano Indiano,
Voglio un completo marrone e blu,
Per far pendant coi detriti tsunamati:
Comunque sull'eleganza non si discute!
Ed è chiaro che la catastrofe finale impone
D'indossare un vestitino che sia la fine del mondo!
Antichissimi Maya, informatissimi!
Quindi, ventun dicembre duemila e dodici,
Non si sa che pesci prendere.
Si potrebbe organizzare una gran festa con un po' di bella gente al billionaire.
Poi, a Portofino, a mangiare un boccone,
Un antipasto, un primo e un caffè soltanto mezzo milione.
È arrivata la fine del mondo ed ho speso tantissimo!
Questo vino frizzante francese era davvero buonissimo!
E la fine del mondo, alla fine non è mica malissimo!
Benvenuta la fine del mondo che mi piace tantissimo!
Comunque, anche 'sti Maya che profetizzano,
Molto meglio che prevedessero la loro estinzione,
Senza preoccupar la gente dei secoli futuri!

Apocalisse, dimmi dimmi chi sei,
Sei forse il congiuntivo del verbo apocalire?
Fine del mondo, dimmi che tu verrai,
Non vorrei trovarmi con i conti da pagare!
Se tutto fosse uno scherzo dei Maya
Che è stato concepito a scoppio ritardato?
Cosa ne sappiamo dello humour raffinato degli antichissimi Maya?