Fuga di cervelli, le curiosità sul film

Inserire immagine
Paolo Ruffini e il cast di Fuga di cervelli

Fuga di cervelli segna l'esordio del comico e attore toscano Paolo Ruffini alla regia: il film va in onda in prima visione tv lunedì 10 novembre alle 21.10 su Sky Cinema 1 HD. Ecco alcune curiosità sulla pellicola.

Lunedì 10 novembre alle 21.10 va in onda in prima visione tv su Sky Cinema 1 HD (canale 301) Fuga di cervelli, diretto e interpretato dal comico e attore toscano Paolo Ruffini. Nel film un gruppo di quattro amici italiani riesce a iscriversi con l'inganno a Oxford, per aiutare un amico a conquistare il cuore della bella (e impossibile) Nadia. Ecco alcune curiosità sulla pellicola.

Cervelli spagnoli - Fuga di cervelli è il remake di un film spagnolo del 2009 intitolato Fuga de cerebros (che si traduce proprio in "fuga di cervelli"), diretto da Fernando Gonzalez Molina.

Paolosodo - Fuga di cervelli è il film d'esordio da regista di Paolo Ruffini (che quest'anno è già uscito al cinema con una nuova pellicola, Tutto molto bello), ma non certo da attore: il suo esordio risale infatti al 1997, quando nemmeno ventenne recitò in Ovosodo di Paolo Virzì.

Youtubers - Ben due dei protagonisti di Fuga di cervelli hanno cominciato la loro carriera nel mondo dello spettacolo con un canale Youtube di successo: si tratta di Frank Matano, uno dei prossimi giudici di Italia's Got Talent, e di Gabriele Scilla, noto ai suoi fan come Willwoosh.

Dalla Moldavia al Colorado - Nel ruolo della bella Nadia, Paolo Ruffini ha voluto la modella moldava Olga Kent, al suo fianco anche nella conduzione del programma tv Colorado Cafè.

Duo è meglio che uno - Da Colorado Paolo Ruffini non si è portato dietro solo Olga, ma anche il duo comico dei PanPers, al secolo Andrea Pisani e Luca Peracino.

Forza Diego - Nel finale del film, in un breve cameo, compare il grandissimo Diego Abatantuono.

Il Grande Lebowski - Il personaggio interpretato da Guglielmo Scilla si chiama Lebowski: il soprannome, derivante dal suo stile di vita sregolato, è un chiaro omaggio al personaggio protagonista de Il grande Lebowski dei fratelli Coen.

Oxford, Piemonte - Anche se una buona parte del film si svolge a Oxford, in realtà tutte le riprese si sono svolte a Torino.