Giovane e bella, Marine Vacth scandalosa per Ozon

Inserire immagine
Marine Vacth è l'interprete del film Giovane e bella di François Ozon

Martedì 18 novembre, in prima visione, su Sky Cinema 1 alle 21.10 arriva l’ultima opera di François Ozon. Storia di un’adolescente che decide di prostituirsi con uomini molto più anziani di lei.

Il regista francese François Ozon ci sorprende sempre. Anche in questo suo ultimo film Giovane e bella che Sky Cinema 1 manderà in onda, in prima visione, martedì 18 novembre alle 21.10.

In un racconto con apparentemente pochi sussulti consegna alla nostra visione la protagonista Isabelle, magistralmente interpretata dalla bellissima Marine Vacth. Un’adolescente di famiglia borghese che apparentemente ha tutto e che tuttavia si prostituisce.  Un tema già affrontato dal cinema francese con il film capolavoro del 1967 di Luis Buñuel Bella di giorno con Catherine Deneuve.
Le due protagoniste hanno in comune quella di vendere il proprio corpo non per denaro ma per un’inspiegabile piacere inconfessabile.

Veniamo alla trama: Isabelle, studentessa diciassettenne, perde la verginità durante le vacanze estive, tornata in città, dove vive con il fratello minore, la madre e il patrigno, decide di prostituirsi diventando una prostituta d’alto bordo sotto lo pseudonimo di Lea. Durante un rapporto sessuale il suo cliente più affezionato muore d’infarto, è costretta a smettere a causa degli accertamenti della polizia che avvertono la madre sull’attività della figlia. Il film è suddiviso in quattro capitoli, come le stagioni di un anno, accompagnati da quattro meravigliosi brani di Françoise Hardy.

La magia del film di Ozon sta nella capacità di indagare il desiderio femminile senza forzare la mano. Anzi lo fa con leggerezza, seguendola da vicino, assistendola, capendola: come quel fratellino che la accompagna verso la perdita della verginità sistemandole il rossetto sulle labbra e poi, necessariamente, la lascia andare.