Vittorio De Sica e la sua arte su Sky Cinema Classics

Inserire immagine
Vittorio De Sica con Sophia Loren

A 40 anni dalla scomparsa Sky Cinema Classics rende  omaggio a uno dei più grandi registi della storia del cinema con un ciclo di film in onda giovedì 13 dalle ore 19, seguito da una maratona prevista per sabato 15 , a partire dalle ore 10

Un intenso omaggio al maestro. Sono quarant’anni, il 13 novembre, che Vittorio De Sica, uno dei più importanti cineasti della storia del cinema, è scomparso, in terra straniera, a Neully sur Seine. A distanza di quattro decenni Sky Cinema Classics lo ricorda con un doppio appuntamento, anzi un doppio omaggio: il primo è giovedì 13 con tre film (visibili anche su Sky on Demand e Sky Go) a partire dalle ore 19 e poi una maratona da weekend, di quelle da restare incollati al divano: sabato 15 e domenica 16.

Le prime immagini le vedremo giovedì 13 alle ore 19 e sono quelle di  Ieri Oggi e Domani il film che gli valse, nel 1965, il Premio Oscar. E’ un ritratto dell’Italia di allora con due protagonisti unici, Sophia Loren e Marcello Mastroianni, ma tre differenti città, Roma, Milano e Napoli. In prima serata Sky Cine Classics offre Il Giardino dei Finzi Contini che portò al maestro, nel 1971, un altro Oscar. Il film nasce dall’omonimo romanzo di Giorgio Bassani ed è ambientato a Ferrara tra il 1938 e il 1943, quando il fascismo, le leggi razziali e la guerra stravolsero la vita del paese. Tra i protagonisti una devastante, per bellezza e recitazione, Dominique Sanda. Il primo incontro con De Sica si chiude con Racconti Romani: stavolta Vittorio è attore e la regia è di Gianni Franciolini. Tratto dall'omonimo libro di Alberto Moravia, il film racconta la vita sfaccendata di
Otello, Mario, Spartaco e Alvaro. Nel cast, oltre a De Sica e tra gli altri, Totò, Silvana Pampanini, Franco Fabrizi e Maurizio Arena: un gran biglietto da visita per il cinema italiano.
Ed eccoci pronti per la maratona
sempre su Sky Cinema Classics, sabato 15 dalle ore 10.00  fino a domenica notte. Tanti i titoli, ci sono Matrimonio all’italiana che si ispira alla commedia teatrale di Eduardo De Filippo “Filumena Marturano”; Il viaggio, ultima regia di De Sica che si ispira alla novella di Luigi Pirandello; I bambini ci guardano del 1943 è considerato tra i film precursori del Neorealismo; Teresa Venerdì, film del 1941 con una immensa Anna Magnani nei panni della cantante Maddalena Prima, soprannominata Loletta; I girasoli, con l’epica coppia Loren-Mastroianni che tratta con leggerezza ma senza cadere nell’ironia inutile il tema dei mariti dispersi in Russia durante la seconda guerra mondiale.