Come sopravvivere ad un attacco alieno

Inserire immagine

Sky Cinema Hits Apocalypse ci racconta i grandi disaster movie compresi i classici film in cui gli extraterrestri invadono il nostro pianeta. Ecco i consigli su come difendersi da questo terribile pericolo

Una gigantesca nave spaziale proveniente da un mondo lontano si posiziona sulla Casa Bianca a Washington. Altre navi aliene fanno la stessa cosa in altre grandi città della pianeta. Poi, senza un preavviso, fanno fuoco scatenando l’inferno su edifici, cose e persone. Quante volte abbiamo visto simili scene al cinema, standosene comodamente seduti sulle nostre comode poltrone consapevoli che prima o poi, noi terrestri avremmo avuto la meglio.

Da  La guerra dei mondi, Indipendence Day, Ultimatum alla Terra, l’invasione degli extraterrestri è diventato un classicone della cinematografia, diventato parte integrante della nostra vita e delle nostre paure.

Ma realmente cosa accadrebbe se l’umanità si trovasse faccia a faccia con una vera e propria invasione da un altro pianeta? Riusciremmo a sopravvivere e magari a vincere come spesso accade nei film?

Le risposte, come si può bene comprendere, sono molteplici ma tutte concordano nel sostenere che noi terrestri non avremmo molta fortuna contro gli alieni. Soprattutto per il divario tecnologico che ci sarebbe fra invasori e invasi. Una civiltà capace di viaggiare per milioni di anni luce fino alla Terra implica necessariamente conoscenze scientifiche enormemente superiori alle nostre.
Comunque sia per avere un minimo di chance sugli omini verdi, si dovrebbe partire da una coalizione tra tutti gli eserciti del mondo. Tuttavia la collaborazione tra le potenze della terra rallenterebbe soltanto la sconfitta finale perché si presume che anche le armi usate dagli alieni siano sicuramente tecnologicamente più sofisticate delle nostre, sia in termini di precisione che di potenza.

Una strategia, però, potrebbe essere quella di resistere e procedere con piccoli attacchi mirati alla loro nave madre. La strategia di guerra che noi terrestri potremmo usare, ricorderebbe lo scenario della guerra del Vietnam. Infatti, durante questo conflitto, gli Stati Uniti e gli alleati erano molto più potenti dei Vietnamiti e dei Vietcong. Nonostante la sproporzione, gli americani dovettero batter ritirata e lasciar la vittoria ai nordvietnamiti, poiché date le ingenti perdite umane non valeva più la pena continuare la guerra. In pratica dovremmo portare gli alieni alla resa, nascondendoci e uscendo allo scoperto solo per piccoli ma molteplici e potenti attacchi mirati, cercando di trascinare la guerra per il più lungo tempo possibile. Tutto questo fino a quando i nemici non capiranno che non gli conviene più portare avanti il conflitto, in quanto quello che otterrebbero dalla vittoria non li ripagherà del tempo, dei danni e delle perdite subite. L’unica arma di difesa che resterebbe ai sopravvissuti da utilizzare per cercare di cacciare lo straniero sarebbe quella di una sorta di “guerra asimmetrica”.

Un'altra domanda che sorge spontanea in ogni analisi in un' ipotetica invasione è quella che ci pone davanti ad un alieno? Cosa facciamo e soprattutto come ci difendiamo? Ebbene tutte le risposte sono elencate in un specie di prontuario uscito già da qualche anno negli Stati Uniti: il titolo del volume è The Alien invasion survival handbook ed è stato scritto W.H.Mumfrey. Un vero e proprio prontuario di primo intervento illustrato con dei fumetti che spiegano quali azioni si debbano intraprendere se ci si trova di fronte ad un alieno.

La prima cosa elencata è naturalmente come prendere a cazzotti l'extraterrestre oppure dargli simultaneamente una bella botta sulle tempie in modo da stordirlo ben benino. Lo si può anche prendere per il collo in maniera decisa perché si presume che questo sia uno dei loro punti deboli. Se naturalmente si è in possesso di una pistola o di un fucile non bisogna farsi scrupolo nello sparare ripetutamente. Tuttavia la parte più truculenta è quella relativa alla costruzione di trappole: qui l'autore si sbizzarrisce con tecniche davvero truculente. pali acuminati, mazze chiodate, rulli per infilzare, insomma un campionario di crudeltà assortite e di aggeggi poco raccomandabili. Il tutto naturalmente illustrato accuratamente e senza mai chiedersi... ma se gli alieni venissero in pace?