Spike Lee racconta Mike Tyson

Inserire immagine
Mike Tyson: Tutta la verità

Su Sky Cinema Cult, martedì 18 novembre, andrà in onda alle 21.00 un altro imperdibile inedito HBO dal titolo Mike Tyson: tutta la verità . L'ex campione dei pesi massimi è al centro del documentario diretto dal leggendario regista Spike Lee

“Sono stato violentato da bambino quando avevo 7 anni”. E' questa una delle ultime sconvolgenti notizie riguardo la turbolenta vita di Mike Tyson. A rivelarlo è lo stesso stato l'ex campione dei pesi massimi che in una recente intervista radiofonica raccontando che tutto è successo per strada e l'aggressore era uno sconosciuto. "Quell'uomo - ha ricordato- ha fatto il prepotente, mi ha afferrato per strada e ha abusato di me. Ero solo un bambino".

Un bambino che diventato uomo e poi pugile professionista è stato capace di arrivare in cima per poi cadere sempre più giù. Una vita in altalena, dai successi internazionali al baratro della droga, dalle pagine di sport a quelle di cronaca nera, fino alla vergogna del carcere per stupro. Un personaggio che, fin dal suo esordio, ha diviso gli animi delle persone nel bene e nel male e che non poteva non interessare il mondo nel cinema, soprattutto per questa sua innata violenza primordiale e misteriosa che, poi, di fatto ha rovinato l’'ex campione dei massimi.

Ci ha provato con ottimi risultati il regista Spike Lee attraverso un documentario dal titolo Mike Tyson: tutta la verità che andrà in onda, martedì 18 novembre alle 21.00 su Sky Cinema Cult.
Un appuntamento imperdibile targato HBO, del quale lo stesso Tyson si è detto “incredibilmente grato alla HBO per collaborare con me e per aver creduto nella mia storia”, condividendo con l’amico Spike l’onore e il piacere di questa avventura, che si preannuncia davvero unica e in grado di mostrarci un ‘Iron Mike’ sincero sulla sua gioventù difficile e sulle persone più importanti della sua vita fino al nuovo inizio che gli ha permesso di essere qui, ora.

D’altronde, il personaggio è di quelli che “bucano lo schermo”. E non solo, considerata una lunga e turbolenta vita, sportiva e privata. Dalle vittorie fulminanti (44 KO in 58 incontri, spesso nei primi round) che l’hanno portato a entrare nella storia del pugilato, agli eccessi e al carcere o hanno portato a farlo giudicare da ESPN il "peggior sportivo degli ultimi 25 anni". Ma questa è l’occasione per sentire la SUA verità in “uno sguardo raro e personale nella vita e nella mente di uno degli uomini più temuti che abbia mai portato la corona dei pesi massimi”, come recita la presentazione dello show, che sottolinea però quanto sia anche “onesto, potente e piena di humor”.