The Normal Heart, un film Cult per la giornata contro l'Aids

Inserire immagine
Mark Ruffalo in The Normal Heart

Lunedì 1° dicembre, in occasione della Giornata mondiale contro l'Aids, Sky Cinema Cult propone The Normal Heart, il commovente film HBO con Mark Ruffalo e Julia Roberts che racconta l'impatto del virus dell'HIV sulla comunità omosessuale degli anni '80.

Quando si parla di Aids si pensa spesso agli anni '80, quando l'emergenza si è imposta con prepotenza agli occhi dell'opinione pubblica. A vecchi spot progresso che mettevano in guardia contro questa nuovo, micidiale virus dell'HIV che distrugge il sistema immunitario. Sembra qualcosa di molto lontano nel tempo, eppure si tratta di un problema attualissimo, visto il numero di nuovi casi che insorgono di giorno in giorno: ce lo ricorda ogni anno la Giornata mondiale contro l'Aids, come sempre in programma per il 1° dicembre.

Sky Cinema Cult HD, il canale 314 di Sky dedicato ai film vecchi e nuovi che hanno lasciato il segno, partecipa all'evento mandando in onda un film molto recente, ma che nel giro di pochi mesi è già diventato un classico. Lunedì 1° dicembre in prima serata andrà infatti in onda The Normal Heart, il commovente film HBO diretto da Ryan Murphy, creatore di serie tv di culto (per l'appunto) come Glee, Nip/Tuck e American Horror Story, nonché regista di Mangia prega ama.

In The Normal Heart Ryan Murphy racconta il drammatico impatto che il virus dell'HIV ebbe sulla comunità omosessuale negli anni '80 e la gelida indifferenza generale delle istituzioni verso una piaga che era stata ribattezzata "il cancro dei gay". Ma racconta soprattutto l'eroica reazione di alcuni medici e attivisti, che si misero in gioco in prima persona non solo per promuovere la ricerca di una cura, ma soprattutto per spingere tutti quanti ad aprire gli occhi su un dramma che, al contrario delle convinzioni dell'epoca, riguardava tutti quanti.

Protagonista di The Normal Heart è Ned Weeks, combattivo scrittore omosessuale interpretato da Mark Ruffalo, che agli inizi degli anni '80, quando l'HIV comincia a diffondersi tra la comunità gay, lancia un primo grido d'allarme e mette in guardia a proposito della trasmissione sessuale del virus. Man mano che i casi aumentano, Ned coinvolge alcuni amici e conoscenti e fonda un'organizzazione chiamata Gay Men's Health Crisis. La sua principale alleata è la dottoressa Emma Brookner (Julia Roberts), un medico costretto sulla sedia a rotelle dalla poliomelite, ma dallo spirito estremamente combattivo.

Oltre ai già citati (e bravissimi) Mark Ruffalo e Julia Roberts, il cast di The Normal Heart può contare su una serie di altri talenti. A cominciare da Matt Bomer, noto al grande pubblico soprattutto come il truffatore gentiluomo Neal Caffrey della serie tv White Collar. Ma senza dimenticare Taylor Kitsch, Alfred Molina e ancora Jim Parsons, un'altra stella televisiva, qui in un inedito ruolo drammatico: di solito siamo abituati a vederlo nei panni del simpatico e insopportabile Sheldon Cooper in The Big Bang Theory.

Toccante, intenso ma mai pesante, The Normal Heart ammalia con la sua storia, ma al tempo stesso guida l'attenzione verso un dramma da non dimenticare, non solo perché rappresenta - con le ingiustizie e la discriminazione che ne hanno contraddistinto i primi anni - una macchia sulla coscienza collettiva, ma anche perché è un'emergenza tutt'altro che superata.