Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, curiosità

Dal 1° al 4 gennaio Sky Cinema Indiana Jones dedica la sua programmazione ai film della saga creata da Lucas e Spielberg: tra questi anche Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, in prima serata domenica 4. Ecco le curiosità sul film.

Dopo L'arca perduta, Il tempio maledetto e L'ultima crociata, su Sky Cinema Indiana Jones, il canale 304 di Sky che dal 1° al 4 gennaio trasmetterà soltanto i film che hanno per protagonista il famoso archeologo, sarà la volta anche di Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo. Il film in onda in prima serata domenica 4 gennaio segna il ritorno di Indy, ormai invecchiato (anche se piuttosto bene), alle avventure di un tempo. Ecco alcune cose che forse non sapevate sulla pellicola.

Chi ha paura di invecchiare? - Per interpretare il ruolo di un Indiana Jones ormai attempato, Harrison Ford si è rifiutato di tingersi i capelli, in quanto convinto che il fascino del personaggio non risiedesse solo nel suo aspetto fisico, ma soprattutto nella sua ricchezza di risorse.

Frustate virtuali - Ford si è impuntato anche su un'altra questione: gli studios, per non violare le nuove norme di sicurezza sui set, volevano che la leggendaria frusta di Indiana Jones fosse ricostruita digitalmente. Ma l'attore ha bollato la faccenda come "ridicola" e ha insistito per impugnare una frusta vera.

Viva la pensione - Per il film era stato proposto un cameo a Sean Connery, che sarebbe ritornato nel ruolo di Henry Jones Senior dopo Indiana Jones e l'ultima crociata. Ma il divo scozzese ha preferito rifiutare, non volendo abbandonare la sua gradevolissima vita da pensionato.

Basta nazisti!
- In origine nel film Indiana Jones avrebbe dovuto affrontare dei nazisti redivivi (siamo ormai negli anni '50, a Guerra Mondiale ampiamente conclusa). Spielberg però non se la sentiva di tornare a scherzare sull'argomento dopo aver diretto Schindler's List, mentre Harrison Ford pensava di "avere già dato" con i nazisti con gli altri film della serie. Fu così che si pensò alla Russia sovietica.

Cate chi? - Dopo varie settimane di riprese, Harrison Ford vide una bella donna dai capelli biondi sul set e chiese alla troupe di chi si trattasse: era la sua antagonista sul set Cate Blanchett, che però Harrison non aveva riconosciuto senza la parrucca nera dell'ufficiale sovietico Irina Spalko.

100% Russia - Per interpretare i soldati russi, Steven Spielberg ha arruolato dei veri attori dalla Russia. Cosa che, ad esempio, non era successo con la Germania ne I predatori dell'arca perduta, dove a causa del loro pessimo accento, gli attori americani che interpretavano i nazisti erano stati ridoppiati nella versione tedesca del film per non suonare ridicoli.

A volte ritornano
- Come già accaduto in altri film nella serie, anche in Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo è possibile intravedere le sagome di C1P8 e D3BO da Guerre Stellari (assieme a quella di E.T.): nello specifico, all'interno della stanza del trono di Akator.

I cattivi non sono più come una volta - Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo è il primo film senza Pat Roach nel ruolo di un cattivo (o anche più di uno, come ne I predatori dell'arca perduta): l'ex wrestler è infatti morto nel 2004.

Dritti al punto - Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo è anche il primo dei film della saga a non avere una sequenza introduttiva slegata o comunque solo parzialmente connessa alla trama principale del film.