Olive Kitteridge, le curiosità sulla serie

Inserire immagine
Un'immagine della serie "Olive Kitteridge" su Sky Cinema 1 venerdì 23 e venerdì 30 gennaio alle 21.10. © 2014 Home Box Office, Inc. All rights reserved.

Arriva su Sky Cinema 1 la seconda e ultima parte della miniserie prodotta da HBO. In onda venerdì 30 gennaio alle 21.10. Ecco le curiosità più interessanti

L’attesa si taglia con il coltello.
Le aspettative sono altissime e non verranno certo deluse.
La miniserie-evento Olive Kitteridge sta facendo parlare molto di sé. E a giustissima ragione: un prodotto di così alto livello, curato nei minimi dettagli in tutto e per tutto, non può certo passare inosservato.
Gli ingredienti di prima scelta per un piatto da leccarsi i baffi ci sono eccome: un romanzo da Pulitzer, una regista dalla sensibilità sopraffina, un’attrice premio Oscar considerata tra le migliori della scena cinematografica statunitense, una sceneggiatura pedissequamente curata… tutte le carte per rivelarsi il capolavoro televisivo di cui si parlerà per molto, moltissimo tempo ci sono, senza nemmeno aver bisogno di particolari assi nella manica.
Aspettando quindi con impazienza la miniserie in due parti prodotta da HBO, in arrivo in esclusiva in Italia su Sky Cinema 1 venerdì 23 e venerdì 30 gennaio alle 21.10, ecco le curiosità più succulente per chi vuole scoprire tutto ciò che sta intorno al mondo di Olive.

Un romanzo da Pulitzer – L’omonimo romanzo scritto nel 2008 da Elizabeth Strout si è aggiudicato il Premio Pulitzer per la narrativa nel 2009. Nel 2008 era arrivato invece finalista al National Book Critics Circle Award. In Italia è stato insignito del Premio Bancarella nel 2010. Nel nostro Paese ha venduto più di 120.000 copie.

Una regista sui generis - La regista Lisa Cholodenko ha dichiarato anni fa di essere lesbica e ha una relazione con la musicista Wendy Melvoin con la quale ha avuto un figlio, concepito dalla Cholodenko tramite inseminazione artificiale. Questa forte esperienza ha ispirato il suo film I ragazzi stanno bene.

Frances McDormand titubante – L’attrice protagonista quando lesse il libro non si rivide affatto nei panni di Olive. È stata la sua collega e amica Katherine Borowitz a convincerla ad accettare la parte: la schiettezza di Olive e il suo background culturale rispecchiano, secondo la Borowitz, esattamente quelli che caratterizzano la McDormand. Ottimo lavoro, Katherine! E, non c’è nemmeno bisogno di dirlo: ottimo lavoro, Frances!

Un cognome cinematografico – Il personaggio di Denise Thibodeau, la ragazza che lavora nella farmacia del marito di Olive, è interpretato da Zoe Kazan, nipote del celebre regista statunitense Elia Kazan.

A Venezia - La miniserie è stata presentata in anteprima e fuori concorso alla 71ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia nel settembre 2014. Ha riscosso enorme successo di critica e di pubblico e le è stato assegnato come riconoscimento il Mouse d’argento.

Entusiasmo della critica - Il sito Rotten Tomatoes ha assegnato alla miniserie un'accoglienza positiva del 95% (sulla base di 42 recensioni). La critica in generale ha accolto con toni davvero entusiastici l’opera firmata dalla regista Lisa Cholodenko.

Mamma Olive
– L’attrice Frances McDormand ha dichiarato di essersi ispirata molto a sua madre per interpretare il suo personaggio. La madre della McDormand ha adottato l’attrice quando era bambina e anche la McDormand non ha figli naturali ma un figlio adottivo assieme al marito, il regista Joel Coen. Il padre adottivo di Frances McDormand  era pastore della congregazione protestante Discepoli di Cristo di cui la madre biologica della McDormand era parrocchiana.

Non perdete la serie più attesa di questa stagione: Olive Kitteridge, in arrivo in esclusiva in Italia su Sky Cinema 1 venerdì 23 e venerdì 30 gennaio alle 21.10.