Storia di una ladra di libri: il coraggio dietro le parole

Inserire immagine
Un'immagine dell'attrice Sophie Nélisse, protagonista di "Storia di una ladra di libri" ©‎ 20th Century Fox

Tratto dal romanzo di Markus Zusak, la pellicola diretta da Brian Percival, con protagonisti Sophie Nélisse, Geoffrey Rush ed Emily Watson arriva sugli schermi su Sky Cinema 1, in prima visione, lunedì 26 gennaio alle 21.10

Arriva su Sky Cinema 1, in prima visione, lunedì 26 gennaio alle 21.10 Storia di una ladra di libri, diretto da Brian Percival, con protagonisti Sophie Nélisse, Geoffrey Rush ed Emily Watson. Il film, ambientato nella Germania nazista al tempo delle persecuzioni contro gli ebrei, è tratto dall'omonimo romanzo dello scrittore australiano Markus Zusak.

Una voce fuori campo, che appartiene niente meno che alla Morte ci introduce ad una storia ambientata in un momento della storia umana in cui tutto sembra andare in rovina. In questo drammatico frangente Liesel, una bambina di nove anni, inizia la sua carriera di ladra.
In principio è la fame a spingerla e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero, prezioso oggetto dei suoi furti sono i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel infatti sta fuggendo dalle rovine della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratellino più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l'aspetta la famiglia che li ha adottati.

Nell'inverno gelido e bianco di neve, il bambino non ce la fa, ed è proprio vicino alla sua tomba che lei trova il primo libro. Il secondo, invece, lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Col passare del tempo il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone di eventi terribili ai quali la bambina sopravvive, protetta da quei suoi immortali, straordinari, amorevoli angeli custodi.

Il regista inglese Brian Percival adatta con eleganza il romanzo di Zusak, una storia di formazione in cui una bambina sconfigge il male del mondo attraverso l'incontro casuale con i valori dell'arte e della cultura che si fanno immaginazione e argine nei confronti della brutalità della Storia.

Il talento degli interpreti Goeffrey Rush, Emily Watson e la sorpresa della giovanissima attrice Sophie Nèlisse trasformano una storia dolorosa in un'esperienza intensa e coinvolgente.

Da non perdere, assolutamente.