Jonah Hill, una spalla d'eccezione per il lupo DiCaprio

Inserire immagine
Jonah Hill in The Wolf of Wall Street

In The Wolf of Wall Street, film di Martin Scorsese in prima visione tv lunedì 9 febbraio su Sky Cinema 1 HD, non c'è solo un grandioso Leonardo DiCaprio: al suo fianco si mette in luce Jonah Hill, nominato agli Oscar come Miglior attore non protagonista.

Lunedì 9 febbraio prima visione tv d'eccezione su Sky Cinema 1 HD con The Wolf of Wall Street, lo strabordante film di Martin Scorsese che vede Leonardo DiCaprio calarsi nei panni di Jordan Belfort, protagonista negli anni '80 di una fulminante ascesa nel mondo della finanza. Un Leonardo DiCaprio in forma smagliante, forse in una delle sue prove migliori, ma di certo non l'unico attore che si mette in luce nelle quasi tre ore di pellicola: al suo fianco c'è infatti uno straordinario Jonah Hill.

In The Wolf of Wall Street Jonah Hill interpreta Donnie Azoff, bizzarro uomo d'affari con cui Belfort fonda la sua società e con cui condivide successi e soprattutto eccessi. Spassoso ma mai grottesco, alle prese con un personaggio sopra le righe ma allo stesso tempo misurato nell'interpretazione, Hill offre una performance davvero memorabile, che non per niente gli è valsa una nomination agli Oscar 2014 come Miglior attore non protagonista. La prima visione di lunedì 9 è un'ottima occasione per scoprire questo attore che negli USA è popolarissimo, ma in Italia non gode ancora di un'eguale fama.

Nato nel 1983 da una stilista e costumista e dall'allora tour accountant dei Guns'n'Roses, Jonah Hill ha lo showbiz nel sangue. Il suo esordio cinematografico arriva appena ventenne, nel 2004, con la curiosa commedia I Heart Huckabees, in cui ottiene un ruolo minore. Negli anni successivi Jonah partecipa a vari successi al botteghino, tra cui 40 anni vergine e Click, ma a farlo conoscere davvero al grande pubblico sono alcune pellicole demenziali come Molto incinta e SuXbad - 3 menti sopra il pelo. È in questi film che Jonah Hill comincia a lavorare in maniera regolare con Seth Rogen, suo grande amico.

Oltre alle commedie ci sono anche i film d'animazione: Jonah presta la voce a Ortone e il mondo dei chi, Megamind e Dragon Trainer. A mettere però in luce il talento di Mr. Hill e far capire che non è solo un attore da film demenziali, arriva L'arte di vincere, pellicola sportiva incentrata sul mondo del baseball in cui affianca nientemeno che il "divo dei divi" Brad Pitt. La consacrazione arriva con il ruolo di protagonista assieme a Channing Tatum in 21 Jump Street, adattamento cinematografico dell'omonima serie tv, di cui di recente è uscito al cinema un sequel.

Dopo essersi tolto qualche altra soddisfazione, ad esempio con una piccola parte in Django Unchained di Quentin Tarantino e interpretando se stesso in Facciamola finita (assieme ai suoi amiconi Rogen, James Franco e Jay Baruchel), Jonah Hill ha dato la prova definitiva del suo talento nel sopracitato The Wolf of Wall Street. E per il futuro ha già fatto parecchi programmi: sarà nel thriller True Story assieme a Franco, nella commedia Hail, Caesar dei fratelli Coen e tornerà a doppiare un film d'animazione in Sausage Party. Niente male, Jonah!