Cenerentola, la scarpetta dei sogni è ora realtà

Creazione Salvatore Ferragamo

In occasione dell'uscita del nuovo film Cenerentola diretto da Kenneth Branagh, Disney e nove stilisti tra i più famosi al mondo hanno rinterpretato la mitica scarpetta di Cenerentola. Guarda il servizio di Barbara Tarricone

La mitica scarpetta di cristallo di Cenerentola, quella sognata più o meno da ogni bambina poi diventata donna, non è più un accessorio di fantasia. E come cantava la stessa Cinderella "i sogni diventano sempre realtà".

Ora, grazie a Disney e alla fantasia e alla creatività di nove grandi stilisti internazionali, l'iconica scarpetta è diventata una realtà da calzare. Questa inedita collaborazione è nata in occasione dell'uscita del film (dal 12 marzo) Cenerentola diretto da Kenneth Branagh, con protagonista Lily James, Cate Blanchett, Richard Madden, Helena Bonham Carter e molti altri grandi nomi del cinema.

Gli stilisti che hanno partecipato a questo ambizioso e quanto mai prima fiabesco progetto che lega il mondo del fashion a quello della fantasia sono tra i nomi più importanti del mondo dell'eleganza. Sono Paul Andrew, Alexandre Birman, Rene Caovilla, Jimmy Choo, Salvatore Ferragamo, Nicholas Kirkwood, Charlotte Olympia, Jerome C. Rousseau e Stuart Weitzman.

“La scarpetta di cristallo di Cenerentola è diventata un magico simbolo di trasformazione” ha dichiarato Daniel Frigo, Presidente e Amministratore Delegato di The Walt Disney Company Italia. “L’occhio attento di questi famosi stilisti ha catturato e racchiuso in queste scarpe tutta l’eleganza e la grazia di Cenerentola, e questo rende la collezione davvero a misura di principessa".

Fondamentale per la realizzazione di questo progetto il contributo di Swarovski, che sotto la direzione della costumista vincitrice dell’Oscar Sandy Powell ha realizzato l’iconica scarpetta di cristallo utilizzata nel film, e ha fornito anche tutti i cristalli utilizzati nei nove modelli.

La collezione sarà disponibile, su prenotazione, in alcune boutique degli stessi designer o presso l' Excelsior di Milano in Via Galleria del Corso.