Pompei, le curiosità sul film

Inserire immagine
Pompei

Domenica 1 marzo alle 21.10 va in onda in prima tv su Sky Cinema 1 HD e Sky 3D Pompei, film di Paul W.S. Anderson che racconta la leggendaria eruzione del Vesuvio. Ecco alcuni aneddoti curiosi sulla pellicola.

Milo è uno schiavo diventato gladiatore. Milo si trova a Pompei nel 79 d.C., ovvero nel posto sbagliato al momento sbagliato. Già, perché il Vesuvio sta per prorompere in una delle più celebri eruzioni che la memoria umana ricordi. Per salvare il suo amore dalla catastrofe, Milo dovrà gettarsi in una vera e propria corsa contro il tempo. È questa la storia raccontata da Paul W.S. Anderson in Pompei, film in prima visione tv domenica 1 marzo alle 21.10, in contemporanea su Sky Cinema 1 HD e Sky 3D. In attesa del grande evento, ecco alcune curiosità sul film.

Milo Snow - Agli abbonati Sky Milo risulterà più che familiare: protagonista di Pompei ha infatti il volto di Kit Harington, l'attore britannico che interpreta Jon Snow ne Il Trono di Spade.

Atto di forza
- Durante la preparazione e le riprese del film, pare che Kit Harington sia diventato ossessionato dall'aspetto del suo corpo, tanto da intraprendere un regime ginnico strettissimo. A causa di un esaurimento fisico, il suo trainer è dovuto intervenire di autorità per ammorbidire la sua routine.

Ritocchino
- A proposito degli addominali di Harington, Paul W.S. Anderson non ha gradito il fatto che in tanti, su internet, abbiano commentato ipotizzando che fossero stati migliorati digitalmente. Il regista ha voluto quindi puntualizzare che "erano tutta roba sua".

Dulcis in fundo
- E di nuovo a proposito di addominali: la scena in cui viene introdotto il personaggio di Milo a torso nudo, pur essendo collocata all'inizio del film, è stata girata a fine riprese proprio per permettere a Kit Harington di essere il più in forma possibile per il grande momento.

Tutto in famiglia
- Per il ruolo di Aurelia, affidato a Carrie Ann Moss, era stata presa in considerazione Milla Jovovich. Del resto si tratta della moglie del regista Paul W.S. Anderson, che l'ha già diretta nei film della serie Resident Evil e ne I tre moschettieri.

Come l'originale - La città del film di Anderson è stata fedelmente ricostruita tenendo conto delle rovine della vera Pompei, tanto che più di un archeologo si è complimentato per l'accuratezza del lavoro svolto dagli scenografi del film.

Pompei, Canada - Le riprese del film sono avvenute in un posto decisamente agli antipodi rispetto al Sud Italia dove si svolge la vicenda, ovvero a Toronto, in Canada.

Un vulcano di realismo - Anderson ha cercato di ottenere il massimo realismo anche per quanto riguarda l'eruzione del Vesuvio: per riuscire nell'intento, lui e la sua troupe hanno studiato numerose eruzioni vulcaniche  del decennio scorso, prendendo in considerazione tra gli altri il nostro Etna.

Paul & Plinio - Uno dei motivi che hanno spinto Paul W.S. Anderson a girare questo film sono gli scritti di Plinio il Giovane che raccontano dell'eruzione. Il regista ha affermato di essersi innamorato del suo stile e delle sue descrizioni.