L'italiano medio secondo Maccio Capatonda

Inserire immagine
Maccio Capatonda

Marcello Macchia, in arte Maccio Capatonda, esordisce al cinema con una parodia sugli stereotipi italiani. Appuntamento, in prima tv, martedì 22 dicembre alle 21.10

Vegano ambientalista arrabbiato, paladino del riciclo, trasformato da una pillola che gli fa usare solo il 2% del suo cervello, in coatto, volgare, ignorante perfetto concorrente per il talent Mastervip. Sono le due personalità 'italiote' che si accavallano nella commedia satirica-demenzial-surreale Italiano Medio, debutto alla regia del comico Maccio Capatonda, (nome d'arte di Marcello Macchia), in onda su Sky Cinema 1, in prima visione, martedì 22 dicembre alle 21.10. 
 

Riprendendo il protagonista di uno dei suoi finti trailer che lo hanno reso famoso in tv e soprattutto sul web, Capatonda interpreta Giulio Verme, ambientalista vegano, arrabbiato e depresso alla soglia dei 40 anni, in crisi con la compagna Franca (Lavinia Longhi). L'incontro casuale con 'Alfonzo' (Ballerina) un ex compagno di scuola che si arrangia fra mille 'lavoretti' (da travestito di strada a tassista), gli apre la possibilità di una doppia vita. Grazie alle 'pilloline' che gli passa l'amico, infatti, riduce l'uso del suo cervello al 2% e si trasforma, al motto di 'Scopare!', in un coatto con ciuffo posticcio e capetti aderenti, pronto a ogni eccesso, come sedurre l'altrettanto scatenata vicina di casa Sharon (Barbara Tabita). Le due personalità di Giulio si accavallano portandolo alle esperienze più diverse, come l'arruolarsi in uno scalcinato gruppo ambientalista estremista, I Salmoni 'Mobbasta'; incontrare  il superprotetto Roberto Salviamolo e diventare concorrente del talent cafonal Mastervip...
 

Accanto Maccio Capatonda c'è un cast composto da compagni di avventure tv e new entry: fra gli altri, Luigi Luciano in arte Herbert Ballerina, Enrico Venti (anche produttore esecutivo) in arte Ivo Avido, Lavinia Longhi, Barbara Tabita, Franco Mari in arte Rupert Sciamenna, Adelaide Manselli in arte Anna Pannocchia. Non mancano i cameo, da Nino Frassica a Raul Cremona, da Andrea Scanzi a Lo zoo di 105. Volti noti del cinema e della tv si mischiano ad autentiche scoperte "made in web".

Vegano ambientalista arrabbiato, paladino del riciclo, trasformato da una pillola che gli fa usare solo il 2% del suo cervello, in coatto, volgare, ignorante perfetto concorrente per il talent Mastervip. Sono le due personalità 'italiote' che si accavallano nella commedia satirica-demenzial-surreale Italiano Medio, debutto alla regia del comico Maccio Capatonda, (nome d'arte di Marcello Macchia), in onda su Sky Cinema 1, in prima visione, martedì 22 dicembre alle 21.10. 
 

Riprendendo il protagonista di uno dei suoi finti trailer che lo hanno reso famoso in tv e soprattutto sul web, Capatonda interpreta Giulio Verme, ambientalista vegano, arrabbiato e depresso alla soglia dei 40 anni, in crisi con la compagna Franca (Lavinia Longhi). L'incontro casuale con 'Alfonzo' (Ballerina) un ex compagno di scuola che si arrangia fra mille 'lavoretti' (da travestito di strada a tassista), gli apre la possibilità di una doppia vita. Grazie alle 'pilloline' che gli passa l'amico, infatti, riduce l'uso del suo cervello al 2% e si trasforma, al motto di 'Scopare!', in un coatto con ciuffo posticcio e capetti aderenti, pronto a ogni eccesso, come sedurre l'altrettanto scatenata vicina di casa Sharon (Barbara Tabita). Le due personalità di Giulio si accavallano portandolo alle esperienze più diverse, come l'arruolarsi in uno scalcinato gruppo ambientalista estremista, I Salmoni 'Mobbasta'; incontrare  il superprotetto Roberto Salviamolo e diventare concorrente del talent cafonal Mastervip...
 

Accanto Maccio Capatonda c'è un cast composto da compagni di avventure tv e new entry: fra gli altri, Luigi Luciano in arte Herbert Ballerina, Enrico Venti (anche produttore esecutivo) in arte Ivo Avido, Lavinia Longhi, Barbara Tabita, Franco Mari in arte Rupert Sciamenna, Adelaide Manselli in arte Anna Pannocchia. Non mancano i cameo, da Nino Frassica a Raul Cremona, da Andrea Scanzi a Lo zoo di 105. Volti noti del cinema e della tv si mischiano ad autentiche scoperte "made in web".