C'è sempre una sedia della felicità pensando a Carlo Mazzacurati

Inserire immagine
Isabella Ragonese nel film "La sedia della felicità"

A due anni dalla scomparsa del regista Carlo Mazzacurati, Sky Cinem Cult lo ricorda, venerdì 22 gennaio alle 19.15, con il suo ultimo film La sedia della felicità: una commedia umana esilarante ed educativa. Per quella che è diventata la sua opera testamento, il regista padovano ha voluto nel cast, tra gli altri, Valerio Mastrandrea, Isabella Ragonese, Giuseppe Battiston, Silvio Orlando e Fabrizio Bentivoglio

Il tempo corre più in fretta quando si pensa a chi non c'è più. A chi è a fare il regista in un'altra dimensione. A due anni dalla scomparsa del regista Carlo Mazzacurati, Sky Cinem Cult lo ricorda, venerdì 22 gennaio alle 19.15 con il suo ultimo film La sedia della felicità con Valerio Mastandrea, Isabella Ragonese, Silvio Orlando, Fabrizio Bentivoglio e Giuseppe Battiston. Una commedia surreale, improbabile e stralunata che segue un variegato gruppo di personaggi alla ricerca di un tesoro nascosto all’interno di un’antica sedia.

Carlo Mazzacurati ha inscenato, per la sua ultima rappresentazione terrena, una meravigliosa commedia umana. Incontriamo una un'estetista che fatica a sopravvivere che, avvilita perché il fidanzato la tradisce e un fornitore senza scrupoli la marca stretta, riceve una confessione in punto di morte da una cliente a cui lima le unghie in carcere. La madre di un bandito, Norma Pecche, ha celato un tesoro in gioielli in una delle sedie del suo salotto. Galvanizzata dalla confessione si reca nella villa restando bloccata dietro un cancello in compagnia di un cinghiale. A soccorrerla arriva Dino, il tatuatore della vetrina accanto, che finisce coinvolto nella vicenda. La situazione precipita quando i due scoprono che a Norma sono stati sequestrati i beni di Norma e le otto sedie, una delle quali custodisce il tesoro, finiranno all'asta. Bruna e Dino rintracciano collezionisti e acquirenti alla ricerca dell'imbottitura gonfia di gioie e...benessere. Tra alti e bassi, maghi e cinesi, laguna e montagna, troveranno una loro ricchezza.