Andiamo a Berlino con una maratona. Su Sky Cinema Cult

Inserire immagine
Michelle Pfeiffer premiata con l'orso d'argento al festival di Berlino per il film Due sconosciuti, un destino (Foto Getty)

In occasione del weekend di apertura della 66ma edizione del Festival di Berlino, in programma dall'11 al 21 febbraio, Sky Cinema Cult propone, il giorno 11 dalle 14.40 una maratona di film premiati nelle edizioni precedenti

Ritorno a Berlino. E con una maratona. In occasione del weekend di apertura della 66ma edizione del Festival di Berlino, in programma dall'11 al 21 febbraio, Sky Cinema Cult propone, proprio il giorno 11 a partire dalle 14.40 una serie di film che sono stati premiati nelle edizioni precedenti. Si comincia con Il caso Moro, film simbolo degli Anni di Piombo con un meraviglioso Gian Maria Volontè, vincitore dell’ Orso d’Argento nel 1987, nei panni dello statista ucciso dalle Brigate Rosse insieme alla sua scorta. A seguire troviamo Michelle Pfeiffer, vincitrice dell’Orso d’Argento, in un dramma che ruota attorno all'omicidio di John F. Kennedy, Due sconosciuti, un destino: Lurene Hallett non ha una vita qualunque, vive per Jaqueline Kennedy e ne adotta anche lo stile e il look. Come Jakie anche Lurene ha perso un bambino e il trauma rafforza la sua idea di legame. Ma il 22 novembre 1963 quella voce viene fatta tacere per sempre, John F. Kennedy viene assassinato e inizia un'altra storia.

Alle 18.25 arriva Jackie Brown thriller-capolavoro di Quentin Tarantino con uno strepitoso Samuel L. Jackson, premiato con l’Orso d’Argento come miglior attore: una storia di gangster che parte con Jackie che arrotonda lo stipendio da hostess contrabbandando denaro negli Stati Uniti per conto del trafficante d'armi Ordell Robbie. Tutto procede bene finché un agente che controlla l'importazione di armi e alcool, e un poliziotto di Los Angeles, la incastrano all'aeroporto e l'arrestano. Alle 21 troviamo Confessione di una mente pericolosa - Confession of a Dangerous Mind, esordio alla regia di George Clooney in uno spy-thriller con Sam Rockwell, premiato al Festival di Berlino come migliore attore, nei panni del guru della TV Chuck Barris, leggendario showman e spietato agente della CIA nell'America degli anni Sessanta. L’eros d'autore firmato Patrice Chereau, premiato con l'Orso d'oro al Festival Berlino nel 2001, è protagonista in Intimacy - Nell'intimità: siamo a Londra, un uomo e una donna intorno ai quarant'anni si incontrano tutti i mercoledì nello scantinato dell'appartamento di lui e fanno sesso con intensità e senza parole. Si cercano ogni settimana senza chiedersi niente finché all'uomo questa ripetitività di gesti e azioni non basta più. Si chiude con Primo amore di Matteo Garrone, la cui colonna sonora è firmata dalla Banda Osiris ed è stata premiata al Festival di Berlino: Vittorio, piccolo imprenditore vicentino, incontra Sonia attraverso un annuncio per cuori solitari. Iniziano a frequentarsi nonostante alcuni dubbi sull'equilibrio del loro rapporto. Vittorio è in analisi perché è ossessionato da giovani magre fino all'eccesso. Sonia accetta di diminuire di peso ma solo come atto d'amore, ignora la psicopatia di lui. E' l'inizio di un incubo.