Tutti gli 87 film che hanno vinto un Oscar. VIDEO

Inserire immagine
Birdman, la pellicola premiata come miglior film agli Oscar 2015

Chi vincerà la statuetta nel 2016? In attesa di scoprirlo il prossimo 28 febbraio, ecco una clip che racchiude in pochi minuti tutte le pellicole che si sono aggiudicati la statuetta per il miglior film. Ovvero un bel pezzo di storia della settima arte

Chi alzerà la statuetta nel 2016? La Grande Scommessa con il suo amaro racconto sulla crisi finanziaria del 2007? Gli spazi selvaggi di The Revenant e la barba di Leonardo Di Caprio? Il grande giornalismo d'inchiesta raccontato da Il caso Spotlight? I bookmaker hanno le loro opinioni ma la certezza, comunque, la si avrà soltanto il prossimo 28 febbraio durante la cerimonia di premiazione. Nel frattempo, quello che possiamo fare in preparazione all'evento e per capire meglio i gusti della giuria, è dare un'occhiata alle pellicole che in passato si sono aggiudicate il premio per il “Miglior Film”. Sono 87 in tutto e, per facilitarci il lavoro, qualcuno ha pensato bene di affiancarle in un video che finisce per raccontare la storia degli Oscar e, di riflesso, quella del cinema.

Tutti i film che hanno vinto l'Oscar

 

 

Grandi classici - Si parte dal 1927 e si arriva al 2015, da Ali di William A. Wellman a Birdman di Alejandro González Iñárritu, passando per tutte le ere della settima arte. C'è Via col vento (1939), citato nel video con il famoso “Francamente me ne infischio” pronunciato da Clark Gable nel finale, e c'è Casablanca (1943) con Humphrey Bogart che dice a Ingrid Bergman “Here's looking at you, kid” prima del congedo definitivo. A distanza di pochi fotogrammi si possono apprezzare il lamento di Marlon Brando in Fronte del porto (premiato nel 1954) che riflette su quello avrebbe potuto essere e la leggerezza Jack Lemmon e Shirley Maclaine nel capolavoro firmato Billy Wilder, l'Appartamento (statuetta nel 1960). E ancora ecco l'atteggiamento simpaticamente canagliesco di Paul Newman e Robert Redford ne La Stangata (1973) e, poco dopo, la New York anni '70 di Io e Annie di Woody Allen (statuetta nel 1977).

Accostamenti arditi
- Arrivando più vicino a noi, ci sono le corse e l'ingenuità di Forrest Gump (1994), l'amore appassionato cantato da Titanic (1997) e la storia, tra tragedia e commedia, di una crisi di mezza età in American Beauty (1999). E che dire del contrasto tra il fantastico Signore degli Anelli di Peter Jackson (2003) che precede di qualche secondo lo struggente Million dollar baby firmato Clint Eastwood (2004)? Solo un anno tra uno e l'altro ma che differenza. L'accostamento suona ardito ma, dopo tutto, così sono gli Oscar che premiano generi diversi e stili diversi (anche se alcuni sono più apprezzati di altri). Il video si conclude con il volo di Michael Keaton, alias Birdman, vincitore lo scorso anno. E forse quel salto nel vuoto è la metafora più adatta in vista dell'edizione 2016: quale film metterà le ali questa volta?