Le star e quegli incidenti sul set

Inserire immagine
Getty Images

Da Channing Tatum a Bruce Willis, passando per Scarlett Johansson e Diane Kruger, a volte girare un film si trasforma in un’esperienza al cardiopalma. Fra ossa rotte e fiamme fuori controllo, ecco gli infortuni da grande schermo. VIDEO

 

A parte poche coraggiose eccezioni, la maggior parte delle star di Hollywood si affida ad una controfigura per girare le scene più pericolose di una sceneggiatura. Eppure questo non basta a tenere gli attori lontani da infortuni e incidenti sul set, basti ricordare l’episodio che ha visto protagonista solo l’anno scorso Harrison Ford, infortunatosi alla caviglia durante le riprese del settimo episodio di Star Wars. Ma l’imprevisto stellare è solo l’ultimo di una lunga serie.

Auto e altri disastri - Le scene più pericolose sono senza dubbio quelle dei film di azione. Se recentemente Daniel Craig si è fatto male ad una gamba girando l’ultimo film di James Bond, Spectre, prima di lui era stata la volta di Tom Cruise e Emily Blunt che hanno rischiato di rimanere vittime di un disastroso incidente d’auto (c’era l’attrice al volante) sul set di Edge of Tomorrow – Senza domani. Imprevisti automobilistici anche per Scarlett Johansson: stava girando una scena del cult Lucy di Luc Besson quando il suo abito è rimasto impigliato nella portiera di un’auto in corsa, finendo per essere trascinata sull’asfalto per alcuni metri, ma senza gravi conseguenze. Ci ha rimesso l’udito, invece, Bruce Willis che dopo uno sparo di un’arma da fuoco scoppiato troppo vicino a lui in Die Hard ha smesso di sentire per due terzi da un orecchio, mentre Viggo Mortensen si è ritrovato a zoppicare per qualche tempo dopo avere calciato con troppa forza un oggetto in una scena de Il signore degli Anelli: Le due torri. Il calcio e il grido, così reali, sono stati introdotti nella pellicola originale.

Niente finzione sul set – Se molti incidenti sul set non si potevano prevedere, ci sono casi in cui è stata proprio la ricerca della perfezione di attori e registi a portare a conseguenze drammatiche. D’altronde se la scena deve sembrare vera, perché non lasciare Michael J. Fox qualche secondo in più a penzoloni con una corda stretta attorno al collo? L’attore protagonista di Ritorno al futuro 3 ha rischiato di rimanere soffocato, perdendo addirittura i sensi per un breve periodo di tempo. Ha smesso di respirare per un po’ anche Diane Kruger mentre in Bastardi senza gloria le dita del regista Quentin Tarantino (sì, è stato proprio lui a prestare le mani alla scena) hanno simulato un soffocamento, mentre l’Isla Fisher di Now You See Me - I maghi del crimine per poco non annega davvero in una vasca d’acqua.



Non è stato un vero e proprio incidente, invece, quello che ha coinvolto Silvester Stallone, costato all’attore alcuni giorni di ricovero in terapia intensiva, complice un pugno sferratogli da Dolph Ludgren nei panni dell’antagonista Ivan Drago sul set di Rocky IV. Ma era stato proprio Stallone a chiedere al collega di colpirlo davvero, e lui non si è certo risparmiato.

E ancora, mentre Channing Tatum in Foxcatcher rompe con la testa uno specchio (il sangue che si vede sullo schermo è davvero il suo), George Clooney è finito all’ospedale con un’importante lesione alla schiena dopo una scena di lotta in Syriana. Il premio di consolazione? L’Oscar come migliore attore non protagonista.

Infine c’è chi ha dovuto fare i conti persino con le ustioni. È di nuovo il caso di Channing Tatum che durante le riprese del film The Eagle ha dovuto guadare insieme al resto del cast le acque gelide di un fiume, allora quale idea migliore di bagnarsi i vestiti con dell’acqua calda per scaldare il corpo prima di immergersi? Peccato che l’assistente che gliel’ha portata non avesse controllato il grado di bollitura…