Divina Commedia, quando l'Inferno è tutto un gioco

Inserire immagine
Dante, il protagonista della serie di videogiochi Devil May Cry

Lunedì 29 febbraio va in onda in prima tv su Sky Cinema 1 HD La solita commedia - Inferno, film della coppia Biggio-Mandelli che si fa beffe della Divina Commedia di Dante Alighieri. Che però è presa molto sul serio dagli appassionati di videogiochi, dato che è stata di ispirazione a molti celebri titoli.

Per alcuni, la Divina Commedia di Dante Alighieri è qualcosa di molto serio, un caposaldo della letteratura mondiale su cui è vietato scherzare. Per altri, come il duo comico Biggio-Mandelli, invece è qualcosa sì di magnifico, ma su cui ci si può anche far su due risate, ad esempio con il loro ultimo film La solita commedia - Inferno, in prima tv lunedì 29 febbraio alle 21.10 su Sky Cinema 1 HD.

 

Infine, per altri ancora la Divina Commedia è tutto un gioco. Ma un gioco - paradossalmente - da prendere molto sul serio. Stiamo parlando degli amanti dei videogiochi, dato che innumerevoli titoli negli ultimi anni sono stati ispirati in maniera più o meno diretta dall'opera di Dante. Ecco alcuni dei più celebri. 

 

Il caso più eclatante - e anche il più esplicito - e senza dubbio quello di Dante's Inferno, che già dal titolo chiarisce come stanno le cose. In realtà, il videogame distribuito da Electronic Arts si prende parecchie libertà, ad esempio reimmaginando Dante come un cavaliere templare, ma ci sono molti passaggi del gioco che riecheggiano direttamente le descrizioni letterarie di Alighieri.

 

Un altro videogame che rende omaggio a più riprese alla Divina Commedia è Devil May Cry. Il protagonista si chiama Dante, ha un fratello di nome Virgilio e una amica di nome Trish (abbreviazione di Beatrice). Questo legame tra gioco e libro si fa ancora più evidente nel terzo capitolo della serie, Devil May Cry 3 - Dante's Awakening.

 

Nel leggendario first-person shooter Doom, c'è invece un intero episodio intitolato Inferno. Ambientato proprio all'Inferno, tra creature demoniache degne delle visioni dantesche, è composto da livelli con nomi come Limbo e Dis (la città infernale di Dite). In maniera similare, i mondi in cui può viaggiare la strega protagonista di Bayonetta si chiamano Paradiso, Purgatorio e Inferno.

 

Spesso e volentieri, tra i nemici da sconfiggere nei videogiochi, figurano alcuni mostri o demoni che ricordano nel nome e nell'aspetto quelli raccontati da Dante: è il caso ad esempio del gruppo dei diavoli noti come Malebranche, presenti in giochi come Final Fantasy IV. Altre volte il legame è meno evidente e riguarda solo il nome, come in Fallout 3, in cui il buttafuori del locale The 9th Circle (un chiaro riferimento al Nono Cerchio) si chiama Caronte, e in cui un robot-sentinella si chiama Cerbero.  

 

E questi sono solo alcuni esempi, che testimoniano come la Divina Commedia di Dante Alighieri abbia avuto una profonda influenza sulla cultura in generale. Lo sanno bene Biggio e Mandelli, i due simpatici protagonisti de La solita Commedia - Inferno: l'appuntamento con loro è il 29 febbraio su Sky Cinema!