Sky Cinema Cult ricorda Massimo Troisi: una giornata indimenticabile

Inserire immagine
Massimo Troisi nel suo ultimo film, Il Postino

Sabato 20 febbraio Sky Cinema Cult omaggia e ricorda Massimo Troisi con una programmazione dedicata. Si parte alle 6.00 con Hotel Colonial e si chiude a notte inoltrata con Le vie del Signore sono finite

Una giornata, dall'alba al tramonto, anzi alla notte, in compagnia di Massimo Troisi. La giornata con l'indimenticato attore napoletano è sabato 20 febbraio: a partire dalle 6.00 Sky Cinema Cult omaggia Troisi con una programmazione a lui dedicata. Si parte alle 6.00 con Hotel Colonial, in cui John Savage andrà alla ricerca del fratello scomparso e si prosegue con Il Postino, ultima interpretazione del compianto attore, che qui impersona un disoccupato, figlio di pescatori, incaricato di portare la posta al poeta cileno Pablo Neruda in esilio politico sulla stessa isola: il film nasce dal libro Il Postino di Neruda di Antonio Skarmeta e nel cast c'è anche una conturbante Maria Grazia Cucinotta.

Alle 9.50 è la volta di No grazie, il caffè mi rende nervoso in cui Troisi interpreta se stesso, ospite di un Festival in cui tutti i partecipanti vengono minacciati di morte da un maniaco. Alle 11.40 di Ricomincio da tre, opera prima alla regia per Troisi che si vide assegnare due David Di Donatello per miglior film e migliore attore. E' la storia di Gaetano, napoletano timido e impacciato, che si sente estraneo al suo ambiente. Decide però di ricominciare da tre perché una o due cose buone le ha fatte e non intende buttarle via. Si trasferisce a Firenze e ricomincia tra stranezze e ironia, da tre.

Alle 13.35 ecco Scusate il ritardo, commedia considerata il miglior film dell’autore partenopeo: Vincenzo, giovane, napoletano, disoccupato e apatico, conosce Anna e se ne invaghisce. Ma la relazione è complicata. A a seguire c'è Che ora è, un film sul difficile rapporto padre-figlio, con Marcello Mastroianni nel ruolo del padre. Le vie del Signore sono finite è ambientato in epoca fascista: un barbiere di paese è paralizzato agli arti inferiori. I medici credono che la malattia sia legata alla fine della sua relazione: sarà vero?

Pensavo fosse amore invece era un calesse, sua ultima opera alla regia: Tommaso è sempre indeciso. Giudicato anaffettivo e sfuggente viene lasciato dalla fidanzata. Usa mille stratagemmi per riconquistarla ma qualche dubbio gli rimane. Nel cast Francesca Nerii mentre la colonna sonora è di Pino Daniele. In prima serata è programmato Non ci resta che piangere, con l'impareggiabile coppia comica Roberto Benigni/Massimo Troisi: sono un maestro elementare e un bidello coinvolti in un incredibile viaggio nel tempo. Il Troisi-Day termina col la replica, per chi li avesse persi, di Ricomincio da tre e Le vie del Signore sono finite.