Romeo and Juliet: passione, perché sei tu passione?!

Inserire immagine
Douglas Booth e Hailee Steinfeld sono i protagonisti di Romeo and Juliet, in prima visione su Sky Cinema 1 domenica 6 marzo

L’adattamento cinematografico del dramma amoroso più celebre della storia arriva in prima visione su Sky Cinema 1 domenica 6 marzo. Con Douglas Booth e Hailee Steinfeld nei panni degli ormai proverbiali amanti, la loro avventura passionale lascerà letteralmente senza fiato

La storia d’amore più eterna che esista torna a far palpitare i cuori e lacrimare gli occhi con Romeo and Juliet, in prima visione su Sky Cinema 1 domenica 6 marzo.

 

Galeotto fu il libro, quello di William Shakespeare ossia la celeberrima tragedia messa su carta alla fine del Cinquecento e da allora diventata la parabola dell’amore passionale, per propria stessa natura tormentato, ostacolato e sfortunato.

L’adattamento cinematografico firmato dal regista e sceneggiatore italiano Carlo Carlei rende onore al capolavoro shakespeariano grazie a una trasposizione degna dell’opera teatrale.

 

Con una coppia di protagonisti affiatatissima che vede un’eccezionale Hailee Steinfeld nei panni di Giulietta e un Douglas Booth da chapeau calato nella parte di Romeo, Romeo and Juliet ripercorre step by step la tragica storia dei giovani Montecchi e Capuleti, il cui amore è destinato a soccombere a causa della faida secolare tra le due importanti famiglie cui appartengono per sangue. Ma non per cuore.

Sullo sfondo di una splendida Verona Rinascimentale, i due amanti sfidano l’odio familiare a colpi d’amore. Ma spesso, come Shakespeare ben sa, l’amore può essere più letale dell’odio stesso e tale si rivelerà proprio per loro due.

 

Con un cast eccezionale che vede calcare lo stesso set nomi come Paul Giamatti (nei panni di Frate Lorenzo), Ed Westwick (Tebaldo) ed eccellenze nostrane del calibro di Laura Morante (che qui veste i panni di Lady Montecchi), Romeo and Juliet è un appuntamento da non perdere sia per gli amanti del buon cinema sia per gli amanti e basta.

 

Un inno all’amore puro, quello scevro di pregiudizi, privo di compromessi e di vantaggi.

Un omaggio alla famiglia come tempio dell’amore che va oltre alle convenzioni sociali, una celebrazione che riconferma quanto solo i sentimenti veri siano in grado di non piegarsi agli assurdi limiti con cui l’uomo stesso vorrebbe imbrigliare la propria felicità e libertà di scelta.

 

Una storia che è quindi attualissima benché datata circa cinque secoli or sono.