David vintage, tra scollature spaziali e stelline in cerca di gloria

Inserire immagine

Tra gli anni ’50 e ’60 il cinegiornale Incom faceva sognare gli italiani con i servizi sulla elegante (e sbarazzina) società dello spettacolo nostrana. Molto seguite anche le cerimonie del neonato premio cinematografico. In attesa di vedere la 60.ma edizione dei David di Donatello, per la prima volta in onda su Sky, ecco i VIDEO in bianco e nero che ci raccontano le star delle passate edizioni: Da Monica Vitti a Gina Lollobrigida, passando per Alberto Sordi e Vittorio Gassman

“Scollature spaziali a Taormina”. Sembra strano per i canoni giornalistici dell’epoca, eppure proprio così inizia il cinegiornale Incom dedicato alla premiazione del David del 1962. Questi video venivano proiettati nei cinema prima dei film ed erano molto seguiti dagli spettatori. Il servizio parte con tanto di zoom sulle “vertiginose scollature” delle “stelline in cerca di gloria” sotto i flash dei fotografi. Tra Antony Perkins (“che piace tanto alle signore”) e una giovanissima Audrey Hepburn vincitrice per Colazione da Tiffany, si vede arrivare anche “l’intramontabile” Marlene Dietrich: “la titolare delle più belle gambe al mondo” viene però tradita dalla discesa delle scale con un simpatico inciampo.



Le scollature sono protagoniste anche del cinegiornale sull’edizione del 1961. E, in particolare, quella particolarmente “generosa” di Claudia Cardinale. Il cronista si spinge ancora oltre durante la presentazione di Sophia Loren, vincitrice per La Ciociara: “Salita sul palco per ritirare il David. Quando lo stringe al cuore, ogni spettatore vorrebbe trovarsi al posto della statuetta”.



E’ il 1963 e i vincitori della IX edizione dei David di Donatello vengono ricevuti al Quirinale da Antonio Segni. Nel parterre figurano star d’eccezione: una magrissima e solare Audrey Hepburn, una più austera Gina Lollobrigida, un’abbottonatissima Monica Vitti, ma anche Vittorio De Sica ed Ermanno Olmi (che accenna un inchino al passaggio del presidente).



I notiziari Incom non erano sempre istituzionali e ingessati, come dimostra questo servizio dalla serata di gala della consegna dei premi a Taormina, con la voce fuori campo che spiega: “Tra premiati e non premiati, c’erano tutti. O quasi”. Qui vediamo Monica Vitti decisamente meno abbottonata, un giulivo Vittorio Gassman vincitore per Il Sorpasso e una elegantissima Gina Lollobrigida, con tanto di guanti a mezza manica e décolleté.



1959. E’ ancora una star femminile al centro del notiziario INCAM: si tratta di Anna Magnani, descritta come “una delle più sensibili e intelligenti attrici del cinema mondiale”.



Sul sito web del David di Donatello si trovano altri filmati della Settimana Incom dedicati al premio.