Il Libro della Giungla: Mowgly arriva su Sky Cinema Uno e Sky 3D

Inserire immagine
© Disney

Barbara Tarricone, ci porta alla scoperta dei segreti del remake con attori in carne e ossa del fim di animazione del 1967 che andrà in onda, in prima tv, su sky Cinema Uno e Sky 3D, lunedì 26 dicembre alle 21.15. Leggi la recensione


di Barbara Tarricone

( @barbaratarri )  

 

 

DALL'ANIMAZIONE ALLA REALTA'

 

Ritorna il Libro della Giungla (in prima tv, su Sky Cinema Uno e Sky 3D, lunedì 26 dicembre alle 21,15). Non un vero e proprio cartone animato bensi un live action con un attore in carne ed ossail debuttante  Neel Sethi che recita, sotto la direzione di John Favreau, in una giungla piena di animali. Che siccome sono parlanti non sono animali veri, ma sono creati in CGI.  La cosa sorprendente è che neanche la giungla è vera, se aspettate la fine del film e leggete tutti i titoli di coda, troverete che è stato girato interamente in uno studio a downtown Los Angeles.  Questa è la cosa più stupefacente di tutte: perché il nuovo Libro della Giungla è una lussureggiante  e incredibile avventura tra foreste, torrenti, canyons e antiche rovine che è una vera ed estremamente realistica gioia per gli occhi, perfetta fina all’ultima foglia.  


LA TRAMA


La storia la conosciamo: Bagheera, la pantera nera, ha affidato ad un branco di lupi il cucciolo d’uomo. Come sia arrivato ad essere solo nella giungla lo scopriremo più avanti, all’inizio del film la vita di Mogwly è quella di un lupetto allevato dalla materna lupa Raksha, che ha dato a Violante Placido la possibilità di dimostrare che la sua musicalità si presta anche ad un doppiaggio da vera professionista.  Ma il saggio Bagheera, che  serve anche da narratore e ha la voce profonda  di Toni Servillo, capisce che è arrivato il momento di portare Mogwly nel villaggio dell’uomo.  Troppo il rancore del re della foresta Shere Khan che ha giurato a Mogwly eterna vendetta.  Nel suo passato c’è uno scontro a fuoco con un uomo che lo ha reso cieco da un occhio. Ora esige il riscatto con il sacrificio del bambino.

I DOPPIATORI ITALIANI


Inizia qui la vera avventura : l’incontro con il serpente Kaa (una pitonessa dalla voce seducente di Giovanna Mezzogiorno), con il bonario orso Baloo (Neri Marcorè a cui spetta anche il compito di cantare la leggendaria canzone “lo stretto indispensabile”) e con lo spaventoso Gigantopiteco (uno scimmione enorme)  Re Louie interpretato magistralmente da Giancarlo Magalli.


UN FILM PER TUTTI


Questi protagonisti sono affascinanti, divertenti, ma anche, a tratti feroci e oscuri. Questa versione del Libro della Giungla ci presenta un mondo che ha le qualità di essere spaventoso ma attraente al tempo stesso: con le due caratteristiche talmente bene bilanciate da non essere off limits per un pubblico di bimbi.  E che, alla fine , mostra un profondo rispetto per tutti gli essere viventi.