Capitan America, 74 anni di trasformazioni in tv e al cinema

Inserire immagine

In Capitan America: Civil War il super-eroe a stelle e strisce guida la rivolta contro leggi che vogliono limitare il raggio di azione suo e dei suoi colleghi. Come mostra un nuovo video da quasi 8 decenni l'uomo dallo scudo rotondo è un habitué del grande e del piccolo schermo

76 anni e non sentirli. Sì perché Capitan America, il super-eroe dallo scudo a stelle e strisce è uno dei più longevi in circolazione, sulla breccia da quasi 8 decenni tra carta stampata, televisione e fumetti. L'uscita in sala di Captain America: Civil War segna infatti l'ennesimo ritorno sullo schermo (grande o piccolo che sia) del guardiano della libertà e della democrazia. L'esordio televisivo del personaggio data infatti 1944, appena tre anni dopo la nascita come fumetto. E da allora, come mostra un video pubblicato online in questi giorni, non se ne è più andato attraversando epoche diverse grazie a telefilm, film e cartoni animati di varia fattura.

 

 

Gli albori - Un uomo dal fisico normale, che usa delle pistole come i comuni mortali ripreso rigorosamente in bianco e nero. E' questa – come mostra il video realizzato da Burger Fiction - la prima immagine di Capitan America al di fuori della carta stampata dei fumetti. E' il 1944, la seconda Guerra Mondiale è ancora in corso e fresche sono le ragioni fondamentali che avevano portato alla sua nascita: combattere i nazisti e tenere alto il vessillo dei valori americani. La fine del conflitto impose all'eroe un temporaneo calo di popolarità fino agli anni '60 quando venne scongelato (letteralmente) e portato all'interno del gruppo de i Vendicatori di cui divenne presto la guida. Proprio in quel momento, siamo nel 1966, Capitan America ritorna in tv grazie ad un cartone animato. Il suo personaggio è cambiato: se prima difendeva i valori americani contro il nazismo ora li sostiene appoggiando le battaglie per i diritti civili.

 

La rinascita - A fine anni '70 il super-eroe a stelle e strisce conquista nuovamente la televisione grazie a due film per il piccolo schermo, Captain America (dove guida anche una moto dai colori patriottici) e Captain America II: Death too soon (gli effetti speciali riflettono l'epoca e il budget del film). Che si tratti di un periodo di nuova auge per il personaggio lo dimostra anche una pubblicità progresso sotto forma di cartone animato prodotta nel 1980 dal ministero dell'Energia americano in cui il nostro richiama l'attenzione su un uso più consapevole dell'energia elettrica. Un salto in avanti il personaggio lo compie nel 1990 con un film destinato al mercato delle videocassette: 10 anni dopo i primi tentativi il realismo è decisamente aumentato. Ma per entrare nella nuova era del Capitan America cinematografico bisogna aspettare un paio di decenni. Come mostra il video, Captain America: The first Avenger del 2011 è la prima trasposizione contemporanea e completamente soddisfacente dell'eroe. Da lì in poi sarà un tripudio di apparizioni, sia nelle pellicole dedicate ai vendicatori che in quelle in cui è il protagonista principale (Winter Soldier) o uno dei membri dei Vendicatori (The Avengers e The Avengers: Age of Ultron). E ora Captain America: Civil War che segna la consacrazione definitiva del capitano come del super-eroe del nostro tempo, quasi l'America non possa fare a meno in quest'epoca di declino della sua sfera di influenza nel mondo di un personaggio in cui specchiarsi e che ne rappresenti la coscienza e – come scoprirà chi vedrà il film – il senso di responsabilità.