Giovani si diventa, Ben Stiller e Naomi Watts e la crisi di mezza età

Inserire immagine
Ben Stiller e Naomi Watts, protagonisti del film "Giovani si diventa"

Noah Baumbach dirige Ben Stiller, Naomi Watts, Adam Driver e Amanda Seyfried, in una divertente commedia sulla voglia di tornare giovani. Una coppia di quarantenni sposata da alcuni anni, incontra una coppia di dirompenti e stravaganti ventenni. Con loro, i due daranno un nuovo slancio alla loro vita sentimentale. Appuntamento, in prima tv, domenica 24 luglio alle 21.10 su Sky Cinema 1

Come spiega bene il titolo del film di Noha Baumbach, in onda su Sky Cinema 1, in prima tv, domenica 24 luglio alle 21.10: Giovani si diventa. Ovvero non è mai troppo tardi rinvigorire una vita affievolita e piena di polvere. Da qui una commedia brillante con Ben Stiller e Naomi Watts (rispettivamente Josh e Cornelia Srebnick), coppia di quarantenni newyorkesi felicemente sposati e impegnati in campo artistico, ma in zona depressione.

Dopo aver provato senza successo ad avere figli, Josh e Cornelia decidono di fermarsi e accettare la situazione. Per Josh è anche peggio: da anni non ce la fa a terminare il montaggio del suo ultimo ambizioso documentario, è ormai consapevole che la spinta artistica si e' affievolita e sente di dover dare una svolta alla propria vita. Come fare?

Un giorno conosce Jamie (Adam Driver) e Darby (Amanda Seyfried), due spiriti liberi, fantasiosi e pieni di iniziativa, che anche nella vita privata fanno coppia. I due sono poi appassionati di videogame vintage e di animali domestici decisamente originali: allevano un pollo in casa. Per Josh, l'incontro con Jamie significa poter riaprire uno spiraglio sulla propria giovinezza, o meglio, su quella che avrebbe desiderato avere.   Senza troppe esitazioni Josh e Cornelia abbandonano gli amici di sempre - Adam Horovitz dei Beastie Boys nel ruolo di Fletcher - per seguire i due hipsters che ai loro occhi appaiono irresistibilmente liberi, disinibiti e pieni di vita.

"Prima di conoscerti", confesserà Josh a Jamie, "gli unici sentimenti che conoscevo erano l'orgoglio e lo sdegno." Ma questo nuovo slancio sarà sufficiente a porre anche le basi di un rapporto di reciproca fiducia e amicizia?

Giovani si diventa racconta con puntuali dialoghi tipici dello scrittore-regista de Lo stravagante mondo di Greenberg (2010) Frances Ha (2012) dell'antico problema del tempo che passa, su come cambiano durante la vita le ambizioni e la ricerca del successo. E questo sullo sfondo di un matrimonio messo a dura dalle abitudini e dalle cose che non si sono mai realizzate. Ma nel film anche un contemporaneo scontro generazionale con gli adulti che non sanno più fare a meno di iPad e Netflix, mentre i giovani guardano al passato e preferiscono vinili e vecchie videocassette.