Pokémon GO: fenomeno globale

Inserire immagine

L’enorme impatto culturale e sociologico di Pokémon GO è un dato di fatto. Oramai, ogni volta che esci di casa, puoi incontrare qualcuno che sta giocando con quel videogioco. Pare sia addirittura diventato una delle cose più popolari sul pianeta in questo momento, curioso no?

Per fare alcuni paragoni, Pokémon GO è più popolare di qualsiasi sito porno, anche se le pagine web a luci rosse sono di moltissimi tipi e in un numero quasi incalcolabile. Provate voi stessi digitando "po" sul vostro motore di ricerca, il primo dei suggerimenti che apparirà sarà Pokémon Go, non porno come forse sarebbe successo qualche tempo fa. Ma c’è di più, molto di più. Pensate che il videogame dedicato a Pikachu e ai suoi amici sta addirittura insidiando Facebook.

Se il numero di utenti del social network si aggira attorno a 1,5 miliardi di persone ogni giorno, il videogioco ha già i social network di Zuckerberg per quanto riguarda il tempo di utilizzo quotidiano. Infatti, se gli users di Facebook passano in media 22 minuti al giorno consultando le sue bacheche, i giocatori di GO spendono una media di circa 33,5 minuti cacciando Pokémon nelle strade delle loro città. Ad Ausburne, nello Stato di New York, è già avvenuto il primo incidente automobilistico che ha coinvolto un 28enne che stava giocando con il videogioco mentre guidava, per fortuna senza gravi conseguenze. Stiamo assistendo a un vero e proprio cambio epocale.

Questo è sicuramente un primo passo, di un lungo percorso, ma guardando avanti viene da domandarsi a che cosa porterà questa interazione sempre più stretta fra mondo reale ed elementi virtuali. Certe applicazioni sono entrate talmente tanto nella nostra vita quotidiana, da diventarne un elemento fondante. Facebook, Twitter, Tinder, Instagram, Whatsapp, adesso Pokemon GO e poi chissà cos’altro. A quanto pare, buona parte del nostro futuro la vedremo su uno schermo.