Boulevard, l’ultima volta di Robin Williams

Inserire immagine
Robin Williams in Boulevard

Dito Montiel dirige Robin Williams nella sua ultima, superba e toccante, interpretazione in una storia intensa riguardante l'omosessualità e la paura del coming out in età avanzata. Appuntamento, in prima tv, giovedì 11 agosto alle 21.10 su Sky Cinema 1

L’ultima volta di Robin Williams. Il suo film testamento e l’ultima grande prova d’attore. E’ quello che vedremo e sicuramente apprezzeremo con molta nostalgia e tristezza vedendo l’attore scomparso recitare nella pellicola Boulevard, in onda in prima tv, giovedì11 agosto alle 21.10 su Sky Cinema 1

Un personaggio finalmente ampio, un protagonista assoluto dopo i diversi ruoli di minor spazio degli ultimi anni che ha suscitato consenso di critica, soprattutto per la prova di Williams, definita ''sincera e coraggiosa'' e una ''delle migliori performance della sua carriera''.

Il film, presentato al Tribeca Film festival in anteprima mondiale ad aprile 2014, è la storia di Nolan, bancario sessantenne, che sente sempre più il peso di una routine sempre uguale, e della difficoltà crescente a ritrovare un dialogo con la moglie Joy (Kathy Baker), protettiva e rassicurante. La decisione impulsiva, una sera, di far salire sulla sua auto un giovane escort, Leo (Roberto Aguire), portano Nolan a confrontarsi con la sua a lungo repressa omosessualità.

Un’altra splendida interpretazione di Robin Williams che ci regala il ritratto di un uomo quasi banale che improvvisamente respira l’aria di un’autentica felicità. Il regista Dito Montiel, qui al suo quinto lungometraggio, sembra essersi lasciato alle spalle l’energia vitale dei giovani protagonisti del suo film d’esordio Guida per riconoscere i tuoi santi per concentrarsi ora sulla vita di un tranquillo 60enne che scopre di aver vissuto un’intera vita senz'anima.