Addio Gene Wilder, è morto il Dr. Frederick Frankenstein

Inserire immagine

Lutto nel mondo del cinema: è morto all'età di 83 anni l'attore e regista Gene Wilder, star della commedia statunitense. A riferirlo è stato il magazine Usa Variety, specificando che il decesso è avvenuto nella sua casa di Stamford, nel Connecticut.

GUARDA IL VIDEO DI KIKA PRESS

Si è spento  a 83 anni l'attore americano Gene Wilder. Da tempo Wilder era affetto dal morbo di Alzheimer e la morte è sopraggiunta per alcune complicazioni relative alla malattia. 

Jerome Silberman - questo il suo vero nome - nasce l'11 giugno 1933 a Milwaukee, in Wisconsin, da una famiglia di ebrei russi immigrati.

L'esordio sul grande schermo arriva nel 1967, con il film "Gangster Story" di Arthur Penn. La svolta per la sua carriera però coincide con l'inizio del sodalizio - che diverrà poi storico - con il geniale Mel Brooks

E grazie alla regia di Mel Brooks arriva la Prima arriva la candidatura all'Academy Awards come Miglior attore non protagonista per il ruolo di Leo Bloom in "Per favore, non toccate le vecchiette"

Uno dei ruoli più importanti della carriera di Gene Wilder è nello storico Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, di Mel Stuart, tratto dal romanzo La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl.

La pellicola in origine fu un flop commerciale e Wilder ottenne la sua consacrazione con Frankenstein Junior che valse a Wilder e Mel Brooks una nomination all'Oscar per la miglior sceneggiatura non originale.
Successivamente, con il remake di Charlie e la fabbrica di cioccolato a opera di Tim Burton, con protagonisti Johnny Depp e Helena Bonham Carter, il film ottenne nuova fama.

Gene Wilder è stato protagonista di alcune pietre miliari della commedia americana. Tra i suoi titoli  più rappresentativi ci sono: Scusi, dov'è il West? di Robert Aldrich (1979), Nessuno ci può fermare di SIdney Poitier  (1980)  "La signora in rosso", con Kelly LeBrock, "Non guardarmi: non ti sento" (1989) e "Non dirmelo… non ci credo" (1991).