Spacchi estremi: da Belen a Giulia Salemi e Dayane Mello

Inserire immagine
Giulia Salemi (foto Kika Press)

Belen sfoggiò nel 2012 a Sanremo, uno spacco  talmente inguinale da mostrare una farfallina tatuata.

A ricordare quanto la Rodriguez ci avesse visto lungo, diventando la capofila di questa speciale categoria, è arrivato lo scandaloso red carpet di Bella Hadid al 69esimo Festival di Cannes

ora a far parlare e sparlare sono Giulia Salemi e Dayane Mello, che con gli abiti di Matteo Evandro Manzini, indossati sul red carpet di The Young Pope del Festival di Venezia hanno attirato l’attenzione dei media di tutto il mondo e hanno scatenato i social, dove gli utenti si sono schierati tra sostenitori e contrari a questo look così osè. Alla fine è la stessa modella Giulia Salemi a dire la sua pubblicamente. GUARDA IL VIDEO

Una vecchia canzone ripeteva "ma le gambe piacciono di più": in effetti, quale uomo resiste di fronte a una gamba femminile flessuosa e tornita che esce da uno spacco? Sulla profondità dello spacco, poi, si può aprire un lungo dibattito che non può non coinvolgere lo spacco con la S maiuscola, quello firmato Fausto Puglisi che Belen sfoggiò nel 2012, sul palco di Sanremo, talmente inguinale da mostrare una farfallina tatuata e far sorgere negli spettatori la curiosità circa la presenza o meno della biancheria intima sotto l'abito etereo e fluttuante.

A ricordare quanto la Rodriguez ci avesse visto lungo, diventando la capofila di questa speciale categoria, è arrivato lo scandaloso red carpet di Bella Hadid al 69esimo Festival di Cannes, alcuni mesi fa, ma ora a far parlare e sparlare sono Giulia Salemi e Dayane Mello, che con gli abiti di Matteo Evandro Manzini, indossati sul red carpet di The Young Pope del Festival di Venezia hanno attirato l’attenzione dei media di tutto il mondo e hanno scatenato i social, dove gli utenti si sono schierati tra sostenitori e contrari a questo look così osè. Alla fine è la stessa modella Giulia Salemi a dire la sua pubblicamente con questo post:

“Quelli che mi conoscono sanno che non ha mai dato prove particolari di esibizionismo, Io sono venuta a Venezia perché sono stata richiesta per quel Red Carpet e per supportare il mio amico stilista indossando una delle sue creazioni".

E poi conclude: “Mi scuso con quelli che sono rimasti colpiti negativamente da questa passerella. E accetto tutte le critiche COSTRUTTIVE ma questa è la mia vita”.