Milano sogna una realtà migliore … ed è subito Fuoricinema!

Inserire immagine
Cristiana Capotondi, Lionello Cerri e Cristiana Mainardi

Dal 16 al 18 settembre, nella Milano rinnovata (via Gaetano De Castillia), per tre giorni artisti del mondo del cinema, della musica, dello spettacolo incontrano il pubblico in un grande happening all’aperto per parlare di sogni e di vita. Proiezioni, street food, market place, dj set, installazioni e tanto altro ti aspettano con Fuoricinema, il nuovo evento realizzato in collaborazione con Sky Cinema.

di Helena Antonelli

 

Fuoricinema non è un festival ma una festa, una grande festa. Un happening che nasce da un desiderio, ideato e pensato nell’ufficio Lumière quando con Cristiana Mainardi, sognando su Milano, ci siamo poste delle domande: ma cosa manca? cosa ci piacerebbe? qual è il nostro sogno? Da qui nasce Fuoricinema che grazie alle entità straordinarie che ne fanno parte, oggi è diventato realtà”.

 

Così Cristiana Capotondi, ideatrice insieme a Cristiana Mainardi e ad Anteo SpazioCinema del nuovo appuntamento per la città e per il mondo sui generis, apre la conferenza stampa lunedì 12 settembre, presentando un progetto nato per la città di Milano che ha il potere di aprire e formare le menti, oltre che di far sognare, e per i milanesi, da sempre pubblico attento al cinema e a tutte le sue forme di comunicazione.

 

Fuoricinema è la kermesse che si terrà dal 16 al 18 settembre e che si svilupperà nell’area che si affaccia su via Gaetano de Castillia, ai piedi del Bosco Verticale, prevalentemente all’aperto, nel solco di quello che sembra essere un nuovo modo di vivere Milano: più libero, più semplice.

 

Questa iniziativa prende dunque vita da un sentimento, dall’idea di mettere al centro di questo progetto le persone e le relazioni, e di creare attorno a questo un modo di stare insieme che non fosse autoreferenziale o con le distanze che a volte le manifestazioni tradizionali procurano tra lo star system e il pubblico. A legare tutto ciò ci sono le esperienze di vita, aspirazioni e riflessioni sviluppate attorno al mondo del cinema che vengono messe in circolo come patrimonio comune.

 

Fuoricinema è un evento esclusivo, di condivisione, che ha un’anima pop ed è fortemente contestualizzato a Milano, capitale non solo della moda e del design, dell’audiovisivo, ma anche nell’ambito dell’impegno sociale. L’evento, che è totalmente gratuito ed è prodotto da un’associazione non profit, si occuperà di raccogliere fondi per tre associazioni milanesi che si occupano di infanzia: Fondazione Arché, Missione Sogni e l’Associazione Bianca Garavaglia. Realizzato in collaborazione con Sky Cinema, per questa prima edizione di Fuoricinema il tema scelto è quello del sogno, quale forza vitale che consente non solo di immaginare oltre la realtà, ma di andare a creare con tenacia e determinazione una realtà migliore.

 

L’altra metà di Fuoricinema è rappresentata dal cinema Anteo, che con i suoi 37 anni di attività e il nuovo progetto che lo farà crescere a 10 sale, Palazzo del Cinema Anteo (inaugurazione prevista per settembre 2017), il pubblico conosce bene. “Quello che soprattutto vogliamo alimentare di Fuoricinema", commenta l’amministratore delegato Lionello Cerri, "è il potenziale aggregante, e di crescere negli anni a venire: speriamo di creare un circuito virtuoso anche rispetto alla sua finalità, quella benefica. Anteo ha sempre cercato di andare oltre i muri e la definizione classica della sala cinematografica, che è innanzitutto un luogo culturale per il modo in cui la si può vivere e per le esperienze che si possono condividere. Una città che riesce a far vivere il piacere di condividere cultura è una città bella”.

 

“Fuoricinema e il suo tema ispiratore, il sogno, è come la Milano che vorremmo: piena di voglia di capire e di spinte per migliorarci. Con la fantasia del futuro e la consapevolezza del presente. Vi sembra troppo? Non riuscite a crederci?” Sorridono Gino Vignali e Michele Mozzati, due pilastri della cultura milanese che portano la loro inimitabile cifra artistica nella creazione di un palinsesto che vivrà di tante contaminazioni.

 

Un palco e uno schermo, un’arena da un migliaio di posti seduti e migliaia di posti sul prato, tutt’attorno un piccolo villaggio con street food, un market place, aree di sosta. Fuoricinema si svilupperà nell’area che si affaccia su via Gaetano de Castillia, ai piedi del Bosco Verticale, coinvolgendo la Stecca degli Artigiani, la Casa della Memoria, la Fondazione Riccardo Catella, e estendendosi all’interno, nell’ex campo di grano. Verranno accolti artisti provenienti dal mondo del cinema, della musica, della letteratura, per incontrare il pubblico, raccontarsi, scambiarsi opinioni, divertirsi, riflettere ma anche e soprattutto condividere con il grande pubblico senza barriere, in un gioco confidenziale e intimo di racconto, all’aperto, gratuito e accessibile a tutti. Fuoricinema si apre con Aldo, Giovanni e Giacomo e si chiude con Ligabue. Nel mezzo tantissimi artisti a rendere speciale ogni ora. Dalle 21 di sera, dopo un dj set per un aperitivo in allegria che vedrà sul palco dj e video performer, si susseguiranno fino a notte fonda le proiezioni di sei grandi film.

 

Fuoricinema, ideato da Cristiana Capotondi e Cristiana Mainardi insieme ad Anteo SpazioCinema, è un regalo a Milano e ai milanesi, attenti al cinema e alle sue storie.