Abel - Il figlio del vento: intervista ai protagonisti

Inserire immagine

Dal 29 settembre al cinema con Adler Entertainment arriva  Abel - Il figlio del vento, una favola sull'amicizia e sulla libertà scaturita dal magico incontro tra uomo e natura. Dietro la macchina da presa, il regista spagnolo Gerardo Olivares e Otmar Penker. Nel cast Jean Reno, Tobias Moretti e Manuel Camacho

<div itemscope itemtype="http://schema.org/VideoObject"><meta itemprop="uploadDate" content="2016-09-18T16:02:58+0200" /><meta itemprop="name" content="Intervista ai protagonisti di Abel - Il figlio del vento" /><meta itemprop="thumbnailUrl" content="https://content.jwplatform.com/thumbs/OXYIyNYi-120.jpg" /><meta itemprop="contentUrl" content="http://www.kikapress.com/kikavideo/mp4/kikavideo_194502.mp4" /><script src="//content.jwplatform.com/players/OXYIyNYi-dFv3uWQV.js"></script></div><br>
Abel - Il figlio del vento è una favola sull'amicizia e sulla libertà scaturita dal magico incontro tra uomo e natura. Dal 29 settembre al cinema con Adler Entertainment, è il risultato di una fusione tra un film e un documentario sulla natura e della collaborazione di Otmar Penker e il regista spagnolo Gerardo Olivares, che abbiamo già visto all'ultimo Giffoni Film Festival.

Abbiamo incontrato proprio il direttore iberico e Manuel Camacho, protagonista della pellicola. È un film che investiga all'interno delle dinamiche dell'amicizia, in questo caso molto particolare dato che è tra un ragazzo e un animale. "Questo è il secondo film al quale lavoro con Manuel - ha spiegato ai nostri microfoni Olivares - anche il primo era sempre una storia d'amicizia ma tra un uomo e un lupo. Se tu chiedi alla maggior parte dei bambini da dove proviene il latte, quasi tutti ti risponderanno "dal supermercato" e non "dalle mucche". Per me come regista è importante mostrare la natura e la vita selvaggia". "È un piacere lavorare con Gerardo - ha aggiunto Manuel Camacho - sono state due esperienze diverse e con due animali completamente diversi".