I cult del cinema e quelle scene “copiate”. VIDEO

Inserire immagine
Un fotogramma tratto dal video realizzato da Screenrant mette a confronto una scena di Star Wars e una de Il trionfo della volontà.

Da Shining di Stanley Kubrick a E.T. L’extraterrestre, passando per l’universo fantasy delle saghe del Signore degli Anelli e di Guerre Stellari, quanto sono originali le pellicole più celebri di Hollywood? Lo svela un video pubblicato online

 

di Floriana Ferrando

Un film di propaganda razzista ha ispirato Star Wars. Mentre la scena cult di Shining si era già vista qualche decennio prima. I registi di Hollywood non sono sempre così creativi come vogliono far credere: un video realizzato dalla webzine Screenrant mostra come alcune scene iconiche del grande schermo assomigliano a momenti meno conosciuti di pellicole precedenti.



Guerre… di regime - Prendiamo la saga di Guerre Stellari. Nel finale di Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza ci sono Luke Skywalker e Han Solo che vengono premiati per il loro contributo durante la Battaglia di Yavin. In particolare è la scelta della colonna sonora della scena a rendere il momento uno dei più indimenticabili del film. Ma se non fosse tutta farina del sacco di George Lucas? Pare che il regista abbia preso ispirazione da un film degli anni Trenta di Leni Riefenstahl, Il trionfo della volontà. In Star Wars sono i Cavalieri Jedi a riunirsi, qui i componenti del Partito Nazionalsocialista durante il raduno di Norimberga.

Maghi e anelli
- Frodo, Gollum e Sam cosa hanno a che fare con Il Mago di Oz? Ne Il Signore degli Anelli: Le due torri i tre, durante il loro viaggio attraverso la Terra di Mezzo, giungono ai Cancelli del Morannon ma devono nascondersi per sfuggire all’esercito di Sauron e sbirciano i nemici affacciandosi da una sporgenza rocciosa. Proprio come avevano già fatto i personaggi del film di fantasia quando si trovano fuori dal castello della perfida Strega antagonista del film di Victor Fleming.



Horror e fantasia - E ancora, un’ascia per sfondare la porta e il braccio infilato nella fessura per raggiungere la maniglia: lo ha fatto il killer psicopatico Johnny nella scena più celebre di Shining, ma prima che Stanley Kubrick ultimasse la sceneggiatura era stato il turno del protagonista de Il carretto fantasma, horror del 1921. Mentre la fuga in bicicletta attraverso il cielo di E.T. L’extraterrestre del 1982 ricorda il film Miracolo a Milano del 1951 di Vittorio De Sica. Anche se allora i protagonisti volavano a cavallo di una scopa, anziché su due ruote. Infine, notate forse una certa somiglianza fra l’Indiana Jones de I predatori dell'arca perduta (1981) e l’Harry Steele de Il segreto degli Incas (1954)?