Addio a Laura Troschel, la donna dei sogni degli anni Settanta

Inserire immagine

E' morta Laura Troschel, icona del cinema brillante degli anni Settanta e Ottanta, musa di Pierfrancesco Pingitore. Attrice, cantante, primadonna a teatro, è stata la moglie di Pippo Franco. Vi raccontiamo un pochino di una delle figure più leggiadre del nostro cinema

di Fabrizio Basso
(@BassoFabrizio)


Un po' come il suo sguardo, uno sguardo con l'eco: ti colpisce oggi e domani sei ancora lì annichilito dalla sua bellezza. Se ne è andata Laura Troschel. Aveva 72 anni. E' morta il 29 settembre ma è stato comunicato 24 ore dopo, con l'eco appunto. Per chii era adolescente negli anni Settanta è stata un sogno. Uno di quelli che, chiusa la porta della stanzetta, ti faceva compagnia tutta la notte guardandoti, amorevole, da un poster appeso alla parete. Oggi, a impcachettare la stanza, non c'è più la carta da parati, quella di quegli anni. Quando è stata sostituita da pitture moderne e colorate si è accartocciata con tutti i suoi poste. Si è portata via anche laura. Ma non dal nostro cuore.



Laura Trsochel e Pippo Franco in Tutti a Squola

Debutta al cinema sul finire degli anni Sessanta ma è nel 1971 che la sua carriera decolla. Fa una parte in 4 Mosche di velluto grigio di Dario Argento poi diventa l'attore simbolo di PierFrancesco Pingitore che la vuole con se in Nerone (1976), Scherzi da prete (1978), Tutti a squola (1979), L'imbranato (1979) e Ciao marziano (1980). E' primadonna del Bagaglino nello storico Salone Margherita per poi passare al teatro Brancaccio come protagonista di due brillanti commedie musicali.

Agli esordi appare con il nome d'arte Costanza Spada. Adotta il suo dopo avere sposato Pippo Franco, al fianco del quale ha condotto C'era una volta Roma nel 1979, celebre perché duettavano nella sigla di testa Ammazza quanto è bra!. Sempre con Pippo Franco (dal quale si separerà) e Claudio Cecchetto conduce nel 1980 su Rai Uno Scacco Matto abbinato alla Lotteria Italia. Nel 1981 posa nuda per Playmen. Incide tre dischi, fa tanta televisione e parecchio cinema, l'ultimo film è del 2010, Il sottile fascino del peccato. Un titolo evocativo per una donna il cui sottile fascino ha segnato un epoca.