Da Forrest Gump a Sully, 35 anni di Tom Hanks. IL VIDEO

Inserire immagine
Tom Hanks in un fotogramma del trailer del film Sully.

Con Sully, che ha sbancato il botteghino al primo weekend nelle sale, l’attore ha cominciato l’ennesima caccia all’Oscar. Per l’occasione una fan ha realizzato un video tributo che condensa in pochi minuti 35 anni di straordinaria carriera dell’artista. GUARDA IL VIDEO

 

di Floriana Ferrando

Metti insieme un regista come Clint Eastwood e un attore del calibro di Tom Hanks: ecco che il record al botteghino è assicurato. Nel primo weekend nelle sale americane il film Sully, dove Hanks interpreta il pilota responsabile dell’atterraggio d’emergenza avvenuto nel 2009 sul fiume Hudson, noto come il Miracolo sull’Hudson, ha incassato 35,5 milioni di dollari, superando le previsioni degli analisti che sfioravano i 25 milioni appena. La pellicola arriverà nelle sale italiane il 15 dicembre.



Il successo al botteghino, si sa, non è sempre garanzia di successo fra gli addetti ai lavori. Ma se Sully dovesse conquistare la giuria della prossima edizione degli Academy Awards per il regista sarebbe la quinta statuetta, dopo quelle per il Miglior Film e il Miglior regista prima per Gli Spietati, poi per Million Dollar Baby. Tom Hanks, invece, di Oscar in attivo ne ha due: Miglior attore protagonista in Philadelphia nel 1994 e in Forrest Gump l’anno successivo. Intanto la film maker francese Candice Drouet in collaborazione con il team di Fandor Keyframe, portale specializzato in cinema, ha pensato di rendere omaggio alla lunga carriera dell’attore pubblicando online un mash-up che condensa i suoi successi dei suoi 35 anni di carriera.

35 Years of Tom Hanks from Fandor Keyframe on Vimeo.


Erano gli inizi degli anni Ottanta quando Tom Hanks è comparso per la prima volta in un film per la tv: si tratta di Labirinti e mostri, tratto dal romanzo "Era solo un gioco" di Rona Jaffe. Poi sono seguiti successi più o meno minori, come Splash – Una sirena a Manhattan, Big e Ragazze Vincenti, fino al pluripremiato Philadelphia del 1993, dove Hanks interpreta un avvocato omosessuale affetto da AIDS. Neppure un attimo di pausa ed è subito Forrest Gump, Apollo 13 e Salvate il soldato Ryan di Steven Spielberg (per il quale riceve una nomination all'Oscar). Poi è la volta della commedia romantica C’è posta per te al fianco di Meg Ryan, fino al naufragio del 2000 di Cast Away. Dopo una vita passata in aeroporto in The Terminal (2004), ecco Tom Hanks sul set del Codice Da Vinci e tre anni dopo, nel 2009, su quello di Angeli e Demoni, entrambi tratti dai romanzi di Dan Brown. Fra i film che ha interpretato negli ultimi anni il mash-up ricorda Cloud Atlas e Saving Mr. Banks, per terminare con Sully, appena giunto nelle sale americane, e il film diretto da Tom Tykwer e ispirato all’omonimo romanzo di Dave Eggers, A Hologram for the King. Nel video tributo ai 35 anni di carriera dell’attore manca la pellicola che chiude la trilogia ispirata a Dan Brown: Inferno arriverà nelle sale il prossimo ottobre.