Da Elio Germano a Jude Law, il sex symbol in abito religioso

Inserire immagine
Jude Law - Photo by Gianni Fiorito

Esce oggi 6 ottobre nelle sale italiane Il sogno di Francesco, film sulla vita del santo patrono d'Italia diretto dai registi francesi Renaud Fely e Arnaud Louvet. A vestire i panni di San Francesco d'Assisi, l'attore italiano Elio Germano, vincitore di tre David di Donatello. Come lui anche Jude Law in The Young Pope, dal 21 ottobre ogni venerdì su Sky Atlantic, vestirà i panni del rivoluzionario Papa Pio XIII, il primo Papa americano della storia. GUARDA IL VIDEO

Esce oggi sei ottobre nelle sale italiane Il sogno di Francesco, film sulla vita del santo patrono d'Italia diretto dai registi francesi Renaud Fely e Arnaud Louvet. A vestire i panni di San Francesco d'Assisi è stato scelto l'attore italiano Elio Germano, vincitore di tre David di Donatello come miglior attore protagonista per Mio fratello è figlio unico, La nostra vita e Il giovane favoloso. L'attore ha così descritto il suo personaggio: "È il film più francescano mai fatto su di lui perché non mette al centro Francesco, ed anche lui stesso del resto non voleva passare per santo, e perché racconta l'esperienza degli altri suoi compagni, in precedenza sempre messi in ombra". Elio Germano è l'ultimo degli attori che, per esigenze di copione, ha dovuto indossare un abito talare, senza per questo perdere il suo fascino.

Prima di Germano anche Raoul Bova aveva indossato il saio del santo patrono d'Italia, in Francesco, una miniserie televisiva italiana del 2002 diretta da Michele Soavi. L'attore ha anche vestito l'abito talare di Tomasz Zaleski, nel biopic su Papa Giovanni Paolo II, Karol - Un uomo diventato papa.

Jude Law, come è noto, interpreta Papa Pio XIII in The Young Pope, serie televisiva del 2016 creata e diretta da Paolo Sorrentino in onda dal 21 ottobre ogni venerdì su Sky Atlantic. Papa Pio XIII (Jude Law) è giovane, affascinante e, in rottura con la tradizione, americano. Per la precisione, italoamericano, visto che risponde al nome di Lenny Belardo. Lenny dimostra di avere molte sfaccettature: risolutezza e dubbio, ingenuità e scaltrezza, intento conservatore e approccio modernista convivono in modo misterioso in lui, nello stesso modo in cui il Dio che è chiamato a rappresentare in terra è uno e trino. E in questo dissidio interiore Dio va trovato: papa Belardi lo cerca incessantemente, solo. Lo cerca per se stesso e per donarlo all’umanità.

Richard Chamberlain ha fatto innamorare molte telespettatrici interpretando Padre Ralph de Bricassart in Uccelli di rovo, una miniserie televisiva del 1983 diretta dal regista Daryl Duke.

Terence Hill ha dato nuova linfa alla sua carriera indossando i panni di Don Matteo, serie tv Rai trasmessa a partire dal 2000.

Robert De Niro, in Sleepers, interpreta Roberto Carrillo, un prete con un passato da delinquente.

Edward Norton, in Tentazioni d'amore, interpreta Padre Brian Finn, un prete cattolico che vedrà vacillare la sua fede quando, a distanza di anni, ritrova una sua amica d'infanzia.

E poi ancora Ewan McGregor, il camerlengo Patrick McKenna nel film Angeli e demoni tratto dall'omonimo romanzo di Dan Brown.

Jeremy Irons, in Mission, che interpreta Padre Gabriel, il primo missionario gesuita che nel 1750 cerco di convertire gli indios del Sudamerica.

Ricordate Sean Connery nel film Il nome della Rosa, tratto dal romanzo di Umberto Eco? L’attore ha tolto lo smoking da 007 per il saio di frate Guglielmo da Baskerville.
Infine, in Quills - La penna dello scandalo, pellicola del 2000 che rivisita le scabrose vicende del Marchese de Sade, Joaquin Phoenix veste i panni dell’Abate Coulmier, ovvero l’uomo che cerca di redimere le pulsioni sacrileghe del protagonista del film, interpretato da un magistrale Geoffrey Rush.

Insomma, mai come in questo caso è vero il proverbio che… l’abito non fa il monaco!