Shailene Woodley, arrestata la star di Divergent

Inserire immagine
Shailene Woodley (Getty)

Shailene Woodley, la giovane e promettente star della saga cinematografica di Divergent (di cui il secondo capitolo è disponibile su Sky On Demand e il terzo su Prima Fila) e di film come Snowden, è stata fermata dalla polizia e condotta via in manette nel corso di una manifestazione contro la realizzazione di un oleodotto che attraverserà quattro stati degli USA.

Shailene Woodley non è certo la prima star di Hollywood a distinguersi per il suo attivismo politico. Anzi, la protagonista della saga cinematografica di Divergent si inserisce in una lunga tradizione che va da Marlon Brando a Johnny Depp. Ma la giovane attrice si è dimostrata particolarmente combattiva, tanto da finire in manette nella giornata di lunedì 10 ottobre.

 

Shailene Woodley stava partecipando a una manifestazione (del tutto pacifica, ha precisato) in North Dakota contro la costruzione di un oleodotto, il Dakota Access, che attraverserà quattro stati degli Stati Uniti, ovvero North e South Dakota, Iowa e Illinois.

 

Secondo gli attivisti, il Dakota Access avrà un forte impatto ambientale, andando a inquinare le falde acquifere di territori che già soffrono per la scarsità di acqua. In aggiunta, i nativi americani sostengono che l’oleodotto passerà attraverso una serie di luoghi sacri, che dovrebbero essere invece tutelati.

 

Shailene Woodley è stata arrestata mentre stava documentando la manifestazione in diretta su Facebook. I poliziotti l’hanno isolata tra numerosi manifestanti, a suo dire proprio perché identificata come personaggio famoso. Il trambusto mediatico che è seguito all’arresto ha fatto diventare virale il video pubblicato sulla pagina Facebook dell’attrice.

 

In attesa di nuovi aggiornamenti su Shailene Woodley e le sue imprese, è possibile rivedere la giovane e combattiva attrice in azione nel secondo e terzo film della saga di Divergent: Insurgent, disponibile su On Demand, e Allegiant, disponibile su Prima Fila.