Luca Argentero e Sarah Felberbaum: i poli opposti si attraggono

Inserire immagine
Sarah Felberbaum e Luca Argentero nel film prima Tv di Sky Cinema "Poli Opposti"

Stefano Parisi (Luca Argentero) e Claudia Torrini (Sarah Felberbaum) lavorano sullo stesso piano di un edificio e svolgono due lavori che, apparentemente, non potrebbero essere più distanti: terapista di coppia lui, avvocato divorzista lei. L’antipatia reciproca è immediata, ma come si sa, gli opposti si attraggono, e i due dovranno fare i conti con un’ attrazione inaspettata… Appuntamento su SKy Cinema 1, in prima Tv, lunedì 24 ottobre alle 21.15

Luca Argentero insieme a Sarah Felberbaum sono i protagonisti del film Poli opposti, sophisticated comedy di Max Croci in onda su Sky Cinema 1, in prima Tv, lunedì 24 ottobre alle 21.10.  Lui è Stefano Parisi, terapista di coppia e lei Claudia, divorzista feroce che ha un conto aperto con gli uomini.

Insomma due lavori che apparentemente non potrebbero essere più distanti. Lui cerca di ricucire le coppie e di trovare motivi di accordo, lei invece cerca di distruggere ancora di più quello che è stato distrutto, spolpando il più possibile il marito con il più alto degli assegni da pagare alla moglie. Come vuole il genere, i due si incontrano per caso, poi scoprono di essere vicini di studio e cominciano ad odiarsi-amarsi ogni volta che si incontrano. Il dottor Parisi, nonostante il suo lavoro, ha appena lasciato la moglie, Mariasole (Anna Safroncik), e consumato anche il distacco dall'ingombrante suocero, il Dott. Beck (Tommaso Ragno), famoso psicologo e irriducibile narciso.

Claudia è invece mamma single del piccolo Luca (Riccardo Russo), un ragazzino grassottello e dolce mobbizzato dai suoi compagni di scuola, e un fratello,  Alessandro (Giampaolo Morelli), bugiardo seriale e sfrontato marito di Rita (Elena Di Cioccio), ormai rassegnata alla gelosia.

"Sono un bambino felice che ha visto realizzato un sogno ha avuto modo di dire il regista Max Croci. Ho sempre amato la commedia sofisticata e non a caso in Poli opposti ci sono molte citazioni, da Billy Wilder a Lubitsch, che raccontano questo genere classico hollywoodiano". E ancora il regista: "Non bisogna mai dimenticarsi dell'aspetto romantico della vita. Così ho voluto prendere una commedia romantica e portarla ai giorni nostri raccontando una Roma un po' colorata proprio come facevano le produzione americane che giravano nella Capitale".