Kubo e la spada magica, la magia nell'antico Giappone arriva al cinema

Inserire immagine

Siamo nell’antico Giappone dove un ragazzo si guadagna da vivere raccontando epiche avventure con l’aiuto di origami animati. Ma una minaccia lo costringerà a un avventuroso viaggio con una scimmia e uno scarabeo samurai. Prodotto dallo studio di animazione Laika, arriva nelle sale italiane dal 3 novembre, Kubo e la spada magica, realizzato con la tecnica della stop motion e doppiato nella versione originale da Charlize Theron e Matthew McConaughey. in attesa di vedere la puntata di Sky Cine News di mercoledì 2 novembre dedicata a Kubo, Vi presentiamo la storia anche attraverso la voce di McConaughey e della Theron


di Alessia Colombo

Nell’antico Giappone un ragazzo si guadagna da vivere raccontando epiche avventure con l’aiuto di origami animati. Ad attenderlo a casa ogni sera c’è la madre, capace di dialogare con il mondo degli spiriti e della magia: proprio da quel mondo arriverà una minaccia che costringerà il ragazzo a intraprendere un rocambolesco viaggio in compagnia di una scimmia e di uno scarabeo samurai. La Laika Entertainment, casa di produzione che ha creato capolavori d’animazione come Coraline e la porta magica e Boxtrolls, porta sullo schermo una nuova avventura: Kubo e la spada magica, realizzata con la tecnica della stop motion e doppiata nella versione originale da Charlize Theron e Matthew McConaughey.

E’ la prima volta nel mondo dell’animazione per le due star, che presto vedremo rispettivamente nei panni del villain in Fast and Furious 8 e in quelli dell’agricoltore in rivolta contro la Confederazione in Free State of Jones, ma si tratta di un esordio anche per Travis Knight, presidente della Laika Entertainment alla sua prima opera da regista. Ecco il motivo che lo ha spinto a intraprendere questa avventura: "Questo film ha tutti gli elementi che ho amato fin da bambino: la stop motion, i samurai, l’epica fantasy e la bellissima tradizione del Giappone. In più è una storia che parla della vita di ciascuno di noi, in cui ci si può immedesimare. Era un’opportunità che non potevo lasciarmi scappare".

Nasce così una storia dalle spettacolari scene d’azione e dallo spirito intimo, che parla di memoria, eredità e rapporti familiari attraverso la crescita di un ragazzo che nella versione originale ha la voce di Art Parkinson, il Rickon Stark della serie tv Il Trono di Spade. Per crescere c’è bisogno di compagni, e accanto a Kubo ce ne saranno due: una scimmia saggia e iperprotettiva e uno scarabeo un po’ pasticcione. C’è un motivo molto personale dietro la scelta delle due star che li hanno interpretati: "Quando Travis mi ha proposto il film -racconta Charlize Theron- ho risposto: è una cosa che non ho mai fatto, sei sicuro? Non voglio rovinarti il lavoro! e lui mi ha risposto: certo, ti divertirai!". Allora ero mamma da poco, mio figlio aveva due anni ed io ero in quella fase in cui vuoi solo prenderti cura di tuo figlio e desideri il meglio per lui, perciò quando ho letto la sceneggiatura mi ha davvero emozionato e colpito".

Anche per Matthew McConaughey la famiglia ha avuto un ruolo importante: “Mia moglie Camilla ha davvero adorato questo film, ha avuto una reazione emotiva molto profonda: ha riso, ha pianto... anche ai bambini è piaciuto, l’abbiamo guardato tutti insieme. Il mio personaggio è divertentissimo! E’ bellissimo fare il buffone, il personaggio che ha una comicità tutta fisica, lo scarabeo che non riesce ad alzarsi in piedi e che ha l’amnesia". Tanto divertimento, quindi, ma anche una riflessione importante secondo Charlize Theron: "Questo film parla sia ai bambini che agli adulti, contiene una grande verità ed è per questo che amo i film della Laika, perché sono il tipo di storie con cui voglio far crescere i miei figli, voglio che conoscano la verità sul mondo, che sappiano che a volte la bellezza nasce da un grande dolore".