Da Rosamund Pike a Amy Adams, il thriller è donna

Inserire immagine
Amy Adams in Animali Notturni

Il fascino dell'ambiguità al cinema è sempre più...donna. La conferma arriva dal film di Tom Ford Animali Notturni in arrivo al cinema in questo weekend con una inquietante Amy Adams. Guarda il video di Kika Press

Avete presente La Gioconda? Il celebre dipinto di Leonardo DaVinci dalle emozioni indecifrabili nasconde più di un mistero ed è proprio questo suo essere impenetrabile, difficile da etichettare, che ha il potere di attrarci e nello stesso tempo ci inquieta: è il fascino dell’ambiguità che sempre più spesso stiamo vedendo sceneggiato al cinema e cucito addosso non a personaggi maschili, forse più semplici da decifrare nella loro malvagità, ma a donne bellissime, che poi rivelano un animo crudele e violento.

Al cinema dal 17 novembre possiamo vedere Amy Adams in Animali nottruni, dove interpreta una donna messa di fronte al suo oscuro passato dal ritorno nella sua vita dell'ex marito, un passato che porterà alla luce le sue gravi responsabilità.

Ricordate per esempio Rosamund Pike in Gone Girl, l’amore bugiardo? Mai vendetta è stata più crudele come quella architettata dall’innocente e bellissima Amy per il marito disattento interpretato da Ben Affleck.

O Sharon Stone, l’attrice che non ha certo bisogno di presentazioni grazie alla sua bellezza ma è merito del suo ruolo di Katrin Tramell se il suo nome figura tra quelli più celebri dei film cult. In basic instinct è la misteriosa scrittrice accusata di un sanguinoso omicidio, che si sarebbe consumato in un oscuro connubio tra sesso e violenza.

Non possiamo non chiudere con l’indimenticabile Katy Bates. Il ruolo della lettrice psicopatica in Misery on deve morire ci impedisce ancora oggi di vederla per quella che è: una donna coraggiosa,  piena di amore, di qualità positive di cui sarebbe folle avere paura…oppure no?