Mechanic: Resurrection: Jason Statham in azione su Sky Cinema Uno

Inserire immagine
Jason Statham è il sicario perfetto protagonista di Mechanic: Resurrection (foto Eagle Pictures)

Questa sara alle 21 su Sky Cinema Uno, all'interno della rubrica Sky Cine News, non perdete una scena in anteprima tratta da Mechanic: Resurrection, adrenalinico sequel di Professione Assassino con il granitico Jason Statham, la sensuale Jessica Alba e il veterano Tommy Lee Jones.


Il film, distribuito da Eagle Pictures, sarà nella sale cinematografiche italiane da giovedì 24 novembre

Arthur Bishop (Jason Statham) è tra i sicari più richiesti al mondo: meticoloso, non sbaglia un colpo ed è specializzato nel far sembrare gli assassinii dei normali incidenti. Anche se uscito dal “business” Arthur sarà costretto a tornarci per un’ultima missione: completare una serie di omicidi, uccidendo gli uomini più pericolosi al mondo, senza che l’FBI si accorga che i colpi portano la sua inconfondibile “firma”.

 

Nel remake del 2011 del classico di genere The Mechanic (Professione Assassino), il pubblico si è trovato nuovamente di fronte questo consumato assassino, in un momento in cui malvolentieri è costretto a insegnare il mestiere a una giovane testa calda e al tempo stesso cerca di scoprire i colpevoli della morte del suo più grande amico e mentore.
Anche se il film era pieno di azione, aveva un carattere più intimo e incentrato sul personaggio, una vetrina sia per Charles Bronson nella versione di 40 anni prima, sia per Jason Statham, che ha messo molto di suo nell’interpretazione del sicario Arthur Bishop.



Il risultato, in ambedue i casi, è stato un successo assoluto. Per la nuova avventura di Bishop, Mechanic: Resurrection, si è deciso di ampliare il campo di applicazione della serie, portando questo duro ma etico sicario a un altro livello, come suggerisce lo sceneggiatore Phillip Shelby. Questo ha richiesto una visione allargata sul senso di pericolo e una migliore comprensione su chi sia veramente il meccanico. “È stata un’opportunità per portare Bishop su un palcoscenico internazionale e per fargli compiere azioni molto più pericolose e insolite in situazioni di gran lunga più interessanti.” Secondo lo sceneggiatore, il ritratto originale di Statham ha dato a Shelby la base del personaggio, man mano che la sceneggiatura di Mechanic: Resurrection cominciava a prendere forma.

La sfida dunque, era “di costruire quello stesso personaggio e poi portarlo in una direzione nuova e più elevata”. Bishop è unico, nel senso che vive in un mondo non violento, è ancora un uomo d’onore. C’è qualcosa in lui che ricorda il cavaliere errante, l’uomo che per far vincere la giustizia deve essere il più duro e forte”, dice Shelby.



Per aggiungere un sapore internazionale alla produzione, la scelta per la regia è caduta sul regista tedesco pluripremiato Dennis Gansel, nel suo debutto americano alla regia con Mechanic: Resurrection. Gansel stava lavorando a un altro progetto della NuImage/Millennium, quando gli hanno dato una copia della sceneggiatura da leggere. “Dennis è un regista europeo emergente”, dice il produttore esecutivo Frank DeMartini. “Dopo aver visto i suoi lavori precedenti, abbiamo sentito che la sua intelligenza e il suo stile unico avrebbero dato all’azione una nuova dimensione, così come un’ulteriore profondità ai personaggi”.

 


Già fan del primo film, il regista ha immediatamente colto le possibilità che questo sequel offriva: una versione più forte dell’anti-eroe e tanta azione creativa. “Penso che Bishop sia un personaggio affascinante”, dice Gansel. “In lui ho sempre visto elementi di altri eroi d’azione come James Bond e Jason Bourne. E anche se ho amato il primo Mechanic, mi è piaciuto che questa sceneggiatura offrisse più dettagli sul background del personaggio. Ho pensato che sarebbe stato interessante scavare un po’ più a fondo e mostrare la genesi di quest’uomo, da dove arriva, partendo sin dall’infanzia. La nostra storia 4 offre una moltitudine di nuovi elementi che normalmente non si vedono in un film di azione, il che rende l’esperienza ancora più arricchente."