Risorto, la resurrezione diventa un thriller

Inserire immagine
Joseph Fiennes nei panni del centurione romano Clavius nel film "Risorto" di Kevin Reynolds

Arriva, in prima Tv, su Sky Cinema uno, martedì 29 novembre alle 21.15, Risorto, di Kevin Reynolds l'epica storia della Resurrezione e delle settimane che la seguirono, attraverso gli occhi dell'incredulo Clavius interpretato da Joseph Fiennes, un tribuno militare di alto rango non credente e a cui Gesù cambierà la vita

''Sono cattolico, sono stato anche battezzato, poi mi sono allontanato dalla Chiesa, ma dopo aver incontrato papa Francesco ci sto ragionando un po' su questo mio allontanamento''. Così, nel segno di una possibile redenzione, parlava il protagonista Joseph Fiennes per il lancio del film Risorto di Kevin Reynolds che ora arriva, in prima TV, su Sky Cinema Uno, martedì 29 novembre alle 21.15.

Di scena nel film la storia appunto della crocifissione di Cristo, in salsa detective story, e poi dal punto di vista dell’ ambizioso centurione romano Clavius (Joseph Fiennes), non credente e avvezzo più alle armi che alla mistica. Il regista Kevin Reynolds, già dietro la macchina da presa in film come Robin Hood. Principe dei ladri, Rapa Nui e Waterworld, racconta  così la vicenda di questo fedele braccio destro di Ponzio Pilato che, affiancato dal suo aiutante Lucius (Tom Felton), deve svolgere un delicato incarico affidatogli dal procuratore romano della Giudea. Ovvero quello di controllare il sepolcro di Cristo. La paura dei romani non era tanto quella che si avverassero le parole di Gesù, ovvero la sua resurrezione dopo tre giorni, ma che il suo corpo potesse essere trafugato dai suoi fedeli spacciando la sua sparizione come un vero miracolo.  Fiennes si metterà subito, insieme a Lucius, all'opera, ovvero alla ricerca dei fedeli di Gesù. Incontra così Maria Maddalena (Maria Botto) e, alla fine, lo stesso Cristo redivivo. Una folgorazione che gli fa scegliere di abbandonare la sua amata spada per capire chi è davvero quel carismatico personaggio e, soprattutto, chi è lui stesso.