Il libro della giungla, il viaggio Disney da Kipling al 3D

© Disney

Arriva su Sky Cinema Uno e in contemporanea su Sky 3D, la straordinaria trasposizione live-action del classico Disney d’animazione, diretta da Jon Favreau). Mowgli, un giovanissimo orfano, viene cresciuto in mezzo alla giungla con l'aiuto di un branco di lupi, l’orso Baloo e la pantera nera Bagheera. L'arrivo della tigre Shere Khan metterà però in pericolo la sua vita, costringendolo a un ardito viaggio tra insidie e pericoli. Oltre 966 milioni di dollari  di incasso in tutto il mondo. Appuntamento lunedì 26 dicembre alle 21.15

Raramente il remake di un film compete con l'originale, in particolare se all'originale, diventato già un'icona, ci ha lavorato uno come Walt Disney e in particolare se la storia che narra gira da oltre cent'anni e quel primo film, realizzato cinquant'anni fa, è conosciuto e amato universalmente. Eppure a volte accade il miracolo. Con Il Libro della Giungla, in arrivo, in prima tv, lunedì 26 dicembre su Sky Cinema Uno e in contemporanea su Sky 3D, il regista Jon Favreau è riuscito nell'impresa.
 

Una storia collaudata e quasi intoccata, nata originariamente dalla fantasia dello scrittore inglese Rudyard Kipling, un formato 3D innovativo che fa sembrare Avatar un film preistorico, un cast straordinario degno di un kolossal in odore di Oscar e un regista mago degli effetti speciali ma innamorato del cinema indipendente e dei film dove sono i rapporti tra i personaggi a farla da padrone. Così si era espresso il regista stesso al momento del film nei cinema: "Ovviamente avevo grande timore reverenziale a mettere le mani in un film che ha fatto personalmente Walt Disney, ma a distanza di 50 anni era arrivato il momento per raccontare di nuovo questa storia, con le nuove tecnologie che abbiamo finalmente a disposizione ma preservandone l'animo e le atmosfere, che sono sempre state il segreto del successo dell'originale. Il libro della giungla non è mai stato considerato uno dei film meglio realizzati da Disney, ma quello con più cuore e con personaggi unici e memorabili".

© Disney

 

Nella versione di Favreau, rivive, pensata per un pubblico di tutte le età, la storia di Mowgli, giovane cucciolo di uomo allevato nella giungla da una famiglia di lupi, che viene costretto a partire quando la tigre Shere Khan, segnata dalle cicatrici dell'uomo, minaccia di eliminarlo per evitare che diventi un pericolo per il loro mondo. Mowgli s'imbarca così in un viaggio alla scoperta di se stesso, guidato dalla pantera Bagheera e dallo spensierato orso Baloo.

Grazie a un'innovativa tecnica di animazione fotorealistica, il team Disney, e i maestri in effetti Cg della Weta e della Mpc, sono riusciti a costruire intorno all'unico attore in carne e ossa, il piccolo newyorchese Neel Sethi (trovato dopo oltre 2000 provini) nei panni di Mowgli, i protagonisti animali 'digitali', tanto realistici quanto creati armoniosamente, nei tratti, con gli attori che gli danno le voci originali.

© Disney

 

Fra gli altri, Bill Murray per Baloo (con tanto di momento musicale in omaggio alla versione animata), Ben Kingsley per Bagheera, Idris Elba per Shere Khan, Christopher Walken per il gigantopiteco Re Louie, Scarlett Johansson per il pitone Kaa, Lupita Nyong'o per la mamma lupa Raksha. Nella versione italiana, le voci sono di, fra gli altri, di Toni Servillo (Bagheera), Neri Marcore' (Baloo), Giancarlo Magalli (Re Louie), Giovanna Mezzogiorno (Kaa), e Violante Placido (Raksha).

© Disney