Morta Debbie Reynolds, mamma di Carrie Fisher e star di Hollywood

Inserire immagine
Debbie Reynolds e Carrie Fisher (Foto Kikapress)

Non sono passate che poche ore dalla morte della figlia Carrie Fisher, e ora anche la madre ci ha lasciato. È stato il portale Tmz a riportare la notizia, riferendo che l’icona del firmamento hollywoodiano anni ’50 non stava bene da giorni, prima ancora dell’attacco di cuore della figlia. Secondo i media statunitensi l’attrice non ha più ripreso conoscenza dopo aver subito l’ictus.

La Reynolds si trovava nella sua abitazione quando il malore l’ha colta di sorpresa e stava organizzando insieme al figlio Todd Fisher i funerali dell’interprete della Principessa Leila.

GUARDA IL VIDEO DI KIKAPRESS

Debbie Reynolds, una delle più brillanti icone della Hollywood dei tempi d’oro, è morta all’età di 84 anni.

Sono passati solo due giorni dal decesso della figlia Carrie Fisher e la Reynolds viene colta da un ictus, che si rivelerà fatale dopo pochissime ore di ricovero. La diva stava preparando il funerale della figlia nella sua abitazione di Beverly Hills, insieme al figlio Todd, quando il malore le ha fatto perdere conoscenza. Un finale di 2016 davvero tremendo, la Reynolds aveva pianto anche la dipartita dell’amica Zsa Zsa Gabor, che ora ha spento anche la luce della diva che ha fatto innamorare il mondo intero tra gli anni 50’ e i ’60.



I più la ricorderanno per la sua interpretazione in Cantando sotto la pioggia al fianco di Gene Kelly, ma la carriera della Reynolds non ha conosciuto soste, nonostante l'appassimento della gioventù l’avesse fatta passare in secondo piano. Negli ultimi anni s’era trasferita nel mondo del piccolo schermo, i più giovani infatti la potranno ricordare nei panni della mamma invadente di Grace nella sit-com Will & Grace.

 

Ma parliamo di un’icona della Hollywood dei tempi d’oro, che ha vissuto amori, scandali, tradimenti e ha ricoperto a lungo il ruolo di mogliettina d’America.


Ripercorriamo qui alcuni passi fondamentali della carriera e vita privata della Reynolds.



Prima di entrare nel mondo del cinema era una Girl Scout, e solo dopo una reginetta di bellezza, tanto bella da portare la MGM a metterla sotto contratto ad appena 15 anni.


Il suo esordio arriva nel film Vorrei sposare, ma la fama mondiale arriva con Cantando sotto la pioggia dove recitava al fianco di Gene Kelly.



Era anche una cantante e la sua canzone Tammy raggiunse la prima posizione negli States per tre settimane consecutive.


Per molti anni è stata considerata come la mogliettina ideale d'America.


Tra gli anni ’50 e i ’60 firma decine di pellicole e nel ’64 arriva la nomination agli Academy Awards grazie al film Voglio essere amata in un letto d’ottone.


Ha fatto scalpore la sua love story con l’artista Eddie Fisher, non per la loro unione, dalla quale nasceranno Carrie Fisher e Todd, bensì per il fatto che la Reynolds si fece soffiare il marito da Elizabeth Taylor, con la quale era molto amica e alla quale aveva fatto da testimone di nozze in un precedente matrimonio.


Molti anni dopo le due ritroveranno la sintonia e scherzeranno sul loro triangolo amoroso, ma soprattutto prenderanno in giro Fisher, nel film per la televisione These Old Broads.


Negli ultimi anni s’era trasferita nel mondo del piccolo schermo, i più giovani infatti la potranno ricordare nei panni della mamma invadente di Grace nella sit-com Will & Grace.


Aveva perso la figlia Carrie Fisher solo due giorni prima dell'ictus fatale.