Mostri&distruzione, i 10 migliori horror-catastrofici

Inserire immagine

Cosa c’è di peggio di una catastrofe globale se alla distruzione si aggiunge la presenza dei mostri? Rettili, giganteschi, morti viventi, alieni invasori. In occasione della prima di 10 Clovervield Lane su Sky Cinema (scopri la programmazione) ecco dieci film imperdibili nei quali l’orrore del disastro si somma a quello delle presenze mostruose.

 

di Federico Ercole

Si può definire horror-catastrofico, quel genere di film tra fantascienza e terrore che rivela, con immagini spettacolari e sovrabbondanza di effetti speciali, l’impatto dell’avvento del mostro sulla società e la città, il suo luogo per eccellenza. Un genere di cinema la cui anima narrativa risale alle origini dell’umanità, quando alla catastrofe veniva attribuita una causa sovrannaturale; oggi invece possiede quell'innocente qualità consolatoria di ogni invenzione fantastica. Perché è sempre meglio attribuire la colpa della Fine al mostro, invece che alla natura, al caso o allo stesso essere umano, guardando scorrere grandiose, fittizie immagini di distruzione con un sorriso meravigliato sul viso e le mani immerse nei pop-corn. In occasione della messa in onda su Sky Cinema di 10 Cloverfield Lane (scopri la programmazione), curiosa e riuscita commistione tra claustrofobico dramma domestico e mostruosa tragedia globale, ecco 10 film imperdibili per chi tra la rovina e la fine dell’umanità ama scorgere l’ombra della Creatura.


Godzilla (Giappone, 1954) - Il capolavoro di Ishiro Honda che inventò con questa pellicola una creatura destinata a diventare una stella, ovvero il Gojirasauro, un dinosauro creduto estinto che si risveglia dai fondi abissali a causa degli esperimenti nucleari. Il film di Honda unisce con sorprendenti effetti poetici il realismo della rappresentazione della vita quotidiana dei pescatori delle coste nipponiche e degli abitanti delle metropoli all'invenzione sfrenata, evidentemente artificiale ma convincente, dell’intervento di un mostro interpretato da un attore in costume. Indimenticabile e insuperato.



La notte dei morti viventi (USA, 1968) - Gorge Romero inventa lo “zombie” moderno in un film estremo, politico e agghiacciante il cui universo catastrofico verrà arricchito dallo stesso autore attraverso diversi, sempre ispirati, sequel. Le orde dei morti viventi che si muovono tra le rare vestigia di una società cadaverizzata sono una delle immagini più forti del cinema del secolo scorso e gli zombie di Romero, ancora oggi, sono il mostro per eccellenza dell’immaginario contemporaneo. (La scheda del film)

Uccelli (USA, 1963) - Chi ha paura degli uccelli? Nessuno prima del film del maestro Alfred Hitchcock (), perché di fatto pochi hanno mai considerato come mostri degli “innocenti” volatili. Eppure la fine del mondo, in un film che ancora oggi è un meccanismo perfetto di suspense e un esempio di cosa vuol dire fare cinema, può arrivare proprio nella pennuta forma di gabbiani e corvi. (La scheda del film)



Cloverfield (USA, 2008) - L’apocalisse in forma di creatura titanica e abominevole e della sua orrenda prole arriva a New York e la vediamo filmata, nello stile inaugurato da Blair Witch Project, da un gruppo di ragazzi forniti di telecamera. Il nastro registrato diviene cronaca drammatica, videodiario, in un film davvero potente dove il mostro è colossale ed emblematico, solo una forma incarnata della distruzione. (La scheda del film)

Assalto alla Terra (USA, 1954) - Uno dei film più riusciti nel dimostrare e idealizzare il terrore per l’atomica negli anni seguenti la seconda guerra mondiale. Il regista Gordon Douglas mette in scena lo sfacelo messo in atto da gigantesche formiche mutate dalle radiazioni. (La scheda del film)

La Cosa (USA, 1982) - Nel capolavoro “polare” di John Carpenter l’apocalisse è solo un’ipotesi, ma basta vedere una simulazione al computer fatta da uno dei personaggi principali per capire cosa succederebbe se le cellule aliene che imitano gli esseri viventi riuscissero a lasciare le disabitate zone glaciali e raggiungere la civiltà. L’intera popolazione mondiale sarebbe contagiata in poche ore. (La scheda del film)

Gremlins (USA, 1984) - Le creature inventate da Chris Columbus e dirette da Joe Dante possono incutere meno timore di tanti altri mostri. Ma il fatto che si riproducano a dismisura tramite il contatto con l’acqua le rende potenzialmente micidiali. E’ vero che muoiono se esposte ai raggi del sole ma basta solo una notte per la catastrofe definitiva. (La scheda del film)

Pacific Rim (USA, 2013) - Dal profondo degli abissi giungono, attraverso un frattura dimensionale, mostri che fanno impallidire Godzilla & Co. Per il mondo sarebbe la fine ma per fortuna ci sono i robottoni giganti nella tradizione di Goldrake e Mazinga. (La scheda del film)

The Mist (USA, 2007) - Frank Darabont dirige un catastrofico mostruoso e pessimista tratto da un’agghiacciante novella di Stephen King. Una fitta nebbia avvolge una cittadina americana e con essa arriva un terrificante ecosistema di diverse, ributtanti mostruosità. (La scheda del film)

Il giorno dei Trifidi (UK, 1963) - Tratto da un romanzo di John Wyndham, questo film a tratti davvero inquietante, ci racconta di un’umanità accecata dal passaggio di un meteorite e successivamente vittima di piante carnivore. Ma sarà così difficile, infine, eliminarle? (La scheda del film)