Mistress America, generazioni a confronto

Greta Gerwig e Lola Kirke in una scena del film

Noah Baumbach torna a dirigere la sua musa Greta Gerwig in una delicata commedia ambientata tra le strade di New York. Tracy, solitaria studentessa di college al primo anno, viene scossa dalla sua solitudine quando incontra Brooke, sua futura sorellastra e avventurosa giovane che la coinvolge in uno stile di vita completamente diverso da quello a cui era abituata. Appuntamento su Sky Cinema Cult, giovedì 16 marzo alle 21.00

 

Arriva su Sky Cinema Cult (giovedì 16 marzo alle 21.00), Mistress America, l’ultima commedia di Noah Baumbach, già regista de Il matrimonio di mia sorella e Il calamaro e la balena.

Anche in questo caso, Baumbach ci regala una commedia di situazioni che si prende gioco con ironia delle nevrosi contemporanee all’insegna di gag e dialoghi paradossali.  Insomma una tipica commedia americana al femminile di cui New York la fa da padrona e dove il personaggio di Tracy Fishko (Lola Kirke) è la tipica figura che si trova catapultata. quasi per caso,  nelle strade di una grande mela fagocitante.

Incapace di inserirsi nella vita spumeggiante della città, decide di seguire il consiglio della madre, e di contattare Brooke (Greta Gerwig), la futura sorellastra che non ha mai conosciuto. Brooke è una trentenne dinamica e spumeggiante, che conduce una vita in apparenza perfetta, tra amici, eventi mondani, quartieri alla moda e con il sogno di aprire un ristorante. Affascinata dalla vita sregolata ma solare della nuova amica, Greta scopre la felicità, finche' un infortunio finanziario di Brooke la costringerà a rimboccarsi le maniche per trovare una soluzione ai problemi di entrambe.